Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/12/2015
Verso la nuova legge sulla caccia.

Approvando nella seduta del 30 novembre un disegno di legge sulla caccia la Giunta regionale ha voluto iniziare il cammino che porterà il Piemonte a colmare un vuoto legislativo che ne fa ad oggi l’unica Regione a non avere una normativa in materia.

“La vecchia legge era stata abrogata per evitare il referendum e non più sostituita - ricorda l’assessore alla Caccia e Pesca, Giorgio Ferrero - Un’assenza che si sentiva in un settore che conta 22.000 cacciatori e 133 aziende faunistico-venatorie. Al nuovo provvedimento siamo arrivati dopo una vasta consultazione, prendendo in considerazione le oltre 500 modifiche sulla prima bozza proposte dai soggetti interessati. E’ un testo snello, che comprende anche un’intensa attività di delegificazione”.

Il disegno di legge, che passa ora all’esame del Consiglio regionale per la definitiva approvazione, recepisce interamente il decreto “Del Rio” che individua gli ambiti ottimali per l’esercizio delle funzioni conferite (area vasta), eleva la superficie minima per ogni ambito di caccia con una prospettiva di fusione dei diversi enti (Ambiti territoriali e Comprensori alpini), di cui vengono equilibrati i componenti dei comitati di gestione in modo da garantire una rappresentanza a tutte le parti (agricoltori, cacciatori, ambientalisti, enti pubblici). Inoltre, si sanciscono la finalità pubblica dell’attività degli ambiti di caccia e il limite di due mandati per la carica di presidente, si prevede la tutela, da definire da parte della Giunta, per le specie della tipica fauna alpina particolarmente a rischio e per altri uccelli tutelati dalla direttiva comunitaria, si introduce per la caccia di selezione l’obbligo di una prova di tiro con il rilascio di un attestato con validità semestrale, si ampliano le tipologie delle zone per l’addestramento, l’allenamento e prove dei cani ausiliari. Tra le novità, la possibilità di addestramento, allenamento e prove per i rapaci da caccia, come i falchi, la possibilità di commercializzare la fauna selvatica abbattuta. Non sarà possibile introdurre starna e fagiano sopra i mille metri, a tutela della tipica fauna alpina. Infine, sono inasprite le sanzioni per i trasgressori.







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.