Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

09/11/2015
Più tempo per restituire i fondi per i debiti pregressi.

Il presidente Sergio Chiamparino e il vicepresidente Aldo Reschigna hanno accolto con grande soddisfazione l'approvazione avvenuta il 6 novembre in Consiglio dei ministri del decreto legge che consente alle Regioni di spalmare in 30 anni la restituzione dei fondi ricevuti per il pagamento dei fornitori che vantavano crediti da diversi anni.

Il problema era sorto dopo la sentenza con la quale nel luglio scorso la Corte costituzionale aveva imposto al Piemonte di contabilizzare nel bilancio i finanziamenti per il pagamento dei creditori e poi destinati ad altri scopi, da restituire in sette anni. Un precedente che, se applicato a tutte le Regioni che hanno fatto ricorso ai fondi del salva-crediti, avrebbe portato a un buco complessivo sui 20 miliardi a livello nazionale.

“Una notizia senz'altro positiva - ha commentato Chiamparino - Il Governo ha mantenuto l'impegno di chiarire la norma che la stessa Corte costituzionale ha giudicato ambigua e che aveva dato origine ad una contabilizzazione non corretta di debiti passati. Ringraziamo l'esecutivo perché questo consente di ridare certezze ai bilanci di tutte le Regioni e di conseguenza al bilancio dello Stato". E proprio per questo Chiamparino invita a non definire il provvedimento in questione "Salva Piemonte" o "Salva Regioni”, in quanto l'obiettivo "è semplicemente quello di determinare condizioni di certezza nella contabilizzazione delle risorse tra l'attività legislativa nazionale e l'applicazione amministrativa della stessa da parte della Regione".

“E’ per altro evidente - chiarice Reschigna - che, siccome il Piemonte è tra le Regioni d’Italia che più hanno utilizzato le anticipazioni del dl 35 per complessivi 4.739.313.610 euro tra il 2013 e il 2015, è una norma che finalmente determina una condizione di certezza nello sforzo complessivo che questa amministrazione regionale sta portando avanti sia nell’onorare l’enorme massa debitoria che ci siamo ritrovati all’inizio della legislatura, sia nel consentirci di proseguire nel forte e pesante impegno di risanamento dei conti della Regione. In concreto, per effetto del decreto legge, il disavanzo sostanziale accertato dalla Corte dei Conti al termine dell’anno 2014 di 5.843.655.170 euro si riduce a 1.453.571.000, cifra sempre rilevante e che dovrà essere coperta in 7 anni.”

Altro impatto positivo per il Piemonte è ka possibilità di chiudere l’ultima operazione prevista il 2015, circa 300 milioni di euro che consentiranno di saldare gran parte del disavanzo del trasporto pubblico locale accumulato nella precedente legislatura regionale e debiti su progetti di ricerca degli anni passati.







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.