Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

28/04/2015
Riunione della Giunta regionale del 27 aprile.

Direttori delle aziende sanitarie e Patto regionale verticale sono i principali argomenti trattati il 27 aprile dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente Sergio Chiamparino.

Direttori aziende sanitarie. La Giunta, come proposto dall’assessore Antonio Saitta, ha nominati i direttori generali di 16 aziende sanitarie: Giovanni Soro all’Asl TO1, Valerio Fabio Alberti all’Asl TO2, Flavio Boraso all’Asl TO3, Lorenzo Ardissone all’Asl TO4, Massimo Uberti all’Asl TO5, Stefano Manfredi all’azienda ospedaliero-universitaria San Luigi di Orbassano, Silvio Falco all’azienda ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino, Giovanna Baraldi all’azienda ospedaliera SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo di Alessandria, Gilberto Gentili all’Asl di Alessandria, Ida Grossi all’Asl di Asti, Chiara Serpieri all’Asl di Vercelli, Gianni Bonelli all’Asl di Biella, Adriano Giacoletto all’Asl di Novara, Giovanni Caruso all’Asl VCO, Francesco Magni all’Asl Cuneo1, Corrado Bedogni all’azienda ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo (vedere l’allegato).

“E’ stato svolto dall’assessorato un lavoro eccellente come metodo e contenuti - ha commentato il presidente Chiamparino al termine della seduta - Si era detto che la politica non avrebbe influito sulla scelta degli idonei, e così è stato, tra l’altro applicando per la prima volta la legge Balduzzi sulla composizione delle commissioni giudicatrici. In una seconda fase l’assessore Saitta ha effettuato verifiche ed approfondimento, anche sentendo i territori interessati”. “Vogliamo costruire - ha proseguito Chiamparino - una squadra compatta, con tutti i direttori che partono dai medesimi blocchi di partenza per arrivare a tagliare traguardi come l’uscita dal piano di rientro, il riordino della rete ospedaliera e la realizzazione della rete di assistenza territoriale. Potremo così vincere la sfida di far tornare la sanità piemontese un modello a livello nazionale e contrastare l’esodo verso altre regioni. Ogni direttore dovrà dimostrare capacità di leadership, e il primo esercizio di autonomia e indipendenza sarà la nomina dei direttori sanitari ed amministrativi delle rispettive aziende”. L’assessore Saitta ha voluto evidenziare che “dopo un lavoro utile ad individuare il tecnico più adeguato per risolvere i problemi delle singole aziende, si avvia un percorso di grande novità. Nel contempo inizia la fase di riorganizzazione dell’assessorato alla Sanità, dove verrà costruita una struttura in grado di verificare il raggiungimento degli obiettivi assegnati ai nuovi manager”.

Patto regionale verticale. In attuazione della Legge di stabilità 2015, come proposto dall’assessore Aldo Reschigna viene data attuazione al cosiddetto Patto regionale verticale incentivato, che consente di liberare spazi finanziari a favore degli enti locali per il pagamento di fatture commerciali giacenti e relative ad investimenti già effettuati pur restando nel Patto di stabilità. A fronte delle richieste pervenute, gli spazi liberati ammontano a 29.160.000 euro, di cui 2.246.000 per la Provincia di Alessandria, 4.579.000 per la Città metropolitana di Torino, 3.639.000 per la Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, 484.000 per la Provincia di Vercelli, 148.000 per la Provincia di Biella e 18.064.000 per 178 Comuni: tra di essi figurano Alessandria con 1.279.000 euro, Baveno con 583.000, Borgofranco d’Ivrea con 500.000, Felizzano con 577.000, Guarente con 611.000, Santo Stefano Roero con 724.000, Settimo Torinese con 560.000, Vezza d’Alba con 1.085.000 (vedere l’allegato).

La Giunta ha inoltre approvato:

- su proposta dell’assessore Aldo Reschigna, la convenzione tra Regione ed Agenzia delle Entrate per la gestione dell’imposta regionale sulle attività produttive e dell’addizionale regionale sui redditi delle persone fisiche per il 2015;

- su proposta dell’assessore Monica Cerutti, i criteri per la pubblicazione da parte di Edisu dei bandi di concorso per l’erogazione delle borse di studio universitarie per l’a.a. 2015-16;

- su proposta dell’assessore Giuseppina de Santis, le nomine di Igor Boni ad amministratore unico dell’Istituto per le piante da legno e l’ambiente e di Paolo Giacomelli ad amministratore unico dell’Istituto marketing agroalimentare;

- su proposta dell’assessore Alberto Valmaggia, lo schema di protocollo di coordinamento tra le amministrazioni locali e la Syndial Spa per la gestione delle fasi realizzative del progetto operativo di bonifica del sito di interesse nazionale di Pieve Vergonte.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.