Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

06/03/2015
Presto un disegno di legge contro il gioco d’azzardo patologico.

Nei prossimi giorni la Regione presenterà un disegno di legge per contrastare il gioco d’azzardo patologico. Ad annunciarlo gli assessori alla Sanità, Antonio Saitta, e all’Istruzione, Gianna Pentenero, nel corso del convegno “Ragazzi, non giochiamoci! Minori e gioco d’azzardo” svoltosi il 5 marzo a Palazzo Lascaris a Torino su iniziativa dell’Osservatorio regionale sull’usura.

“In Piemonte - ha comunicato Saitta - la spesa per il gioco d’azzardo è stimata in circa 5 miliardi di euro, ai quali vanno associati i costi sociali legati all’impatto sulle famiglie, gli interessi economici da parte delle criminalità, quelli derivanti dall’impatto negativo sull’economia e sul mondo del lavoro, ma anche i costi sanitari della presa in carico per la cura dei giocatori: un paziente seguito dai SerD costa mediamente 2000 euro l’anno. Quindi - ha voluto mettere in evidenza - l’azzardo costa: a chi gioca perché spende, alle famiglie che si rovinano, alla sanità pubblica che deve seguire chi è malato”

In Italia il fenomeno del gioco d’azzardo è in continua crescita, come si desume dalle statistiche dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sulla quantità di denaro giocato. Nel 2011 il fatturato in Italia è stato di 79,9 miliardi, nel 2012 di 86 miliardi nel 2012. In pratica, è come se ogni italiano spendesse 1400 euro all’anno per tentare la fortuna. In Piemonte nel 2013 i Servizi per la cura delle Dipendenze (SerD) hanno trattato 1256 soggetti per gioco d’azzardo, 10 per gambling problematico e 1246 per gambling patologico. Le donne sono state 268, i maschi 988, i nuovi utenti sono stati 578 e quelli rientrati o già in carico 655. L’età media è stata di 47,9 anni.

Il fatto che il gioco d’azzardo coinvolga l’8% dei giovani tra i 15 ed i 19 anni ha portato l’assessore Pentenero a ricordare “l’importanza del coinvolgimento delle scuole e della creazione di una rete sul territorio che possa sia diffondere la conoscenza del problema che prevenirlo. E per far questo bisogna iniziare dai ragazzi, fornire loro strumenti, competenze e conoscenze per aiutarli a comprendere che il gioco d’azzardo può diventare patologico e quindi un vortice incontenibile”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.