Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

08/10/2014
Arrestati per ricettazione dalla Polizia Stradale di Alessandria.

Avevano raccolto il “materiale” (risultato sottratto ai legittimi proprietari negli ultimi mesi), poi, in coincidenza con l’ultimo fine settimana del mese di settembre, avevano deciso di portare tutto nel paese di origine, uno degli Stati del Nord-Africa dove pare sia fiorente il commercio di veicoli a due ruote.

B.C. e H.J., residenti nella provincia di Novara, con quel vecchio furgone fornito in prestito da un connazionale, si sono messi in viaggio per raggiungere la città di Genova dove avevano prenotato il biglietto per la nave diretta in Tunisia.

Quando però sono stati fermati sull’A/26 dei trafori da una pattuglia di Polizia Stradale in forza alla Sezione di Alessandria ed in servizio alla Sottosezione di Ovada, sono iniziati i “problemi”.

I documenti di circolazione non erano in regola, il peso del mezzo era “eccessivo” ma, soprattutto, nel vano di carico erano presenti motorini e biciclette in quantità sospetta.

Raggiunto un luogo idoneo per scaricare la merce, è stato determinato che i ciclomotori presenti erano 8 (di diverse case produttrici) e le biciclette, una delle quali del valore di poco inferiore ai mille euro, erano 7.

Gli accertamenti sui ciclomotori hanno determinato che tre di essi erano stati rubati nella città di Novara, mentre per gli altri e per tutte le biciclette sono stati avviati accertamenti per determinarne la provenienza.

Le immagini delle biciclette saranno “postate” sui diversi siti della Polizia di Stato per l’eventuale individuazione da parte di proprietari.

Considerato il rischio di sottrarsi alla giustizia italiana, visto che erano diretti all’estero, B. C. classe 1968 e H. J. classe 1985, sono stati arrestati perché gravemente indiziati del delitto di ricettazione.

Il P.M. della Procura della Repubblica di Alessandria ha richiesto la convalida del fermo e, dopo l’interrogatorio di garanzia ed in attesa del processo, ha concesso agli arrestati di raggiungere le rispettive residenze in Italia.

I controlli mirati svolti dalla Polizia Stradale di Alessandria nella scorsa settimana hanno consentito, inoltre, di denunciare 9 persone per guida in stato di ebbrezza e di ritirare altrettante patenti.







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.