Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

01/10/2014
La spesa farmaceutica in Piemonte.

Il Piemonte dovrà contenere la spesa farmaceutica, voce che al momento pesa sulle casse della Regione per un miliardo e 200 milioni l’anno. Ad affermarlo è l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta, dopo che per la prima volta è stata realizzata un’analisi puntuale della spesa per farmaci.

“Il fronte sul quale abbiamo riscontrato i maggiori sprechi - ha annunciato Saitta - è quello della spesa ospedaliera, nella quale il Piemonte si colloca in fondo alla classifica italiana, tanto che peggio di noi fa solo la Puglia. Complessivamente, dovremmo spendere 390 milioni, ma per quest’anno non ce la faremo e le previsioni dicono che arriveremo sui 415. Il nostro trend di spesa è tra i più alti d'Italia, e questa voce è difficile da controllare perché le aziende sanitarie ed ospedaliere finora non hanno mai collaborato nella diffusione dei dati: di fatto mancava quasi completamente il rendiconto e quindi non si potevano esercitare controlli, ma soprattutto nessuno all’interno degli ospedali aveva chiari questi dati. Le aziende che avrebbero dovuto tagliare maggiormente questa voce erano principalmente le sedi universitarie, ovvero Novara e Torino, ma anche Asti, Vercelli e VCO. Abbiamo convocato i vertici degli ospedali piemontesi per dire loro che la spesa deve essere compressa e lanceremo un programma per la tracciabilità dei farmaci acquistati da ciascun ospedale: sarà così possibile capire come le medicine vengono usate e in che modo l’esborso può essere ridotto. Gli spazi ci sono, basta guardare le Regioni più virtuose a parità di offerta sanitaria".

Per quanto riguarda la spesa territoriale, cioè i farmaci consumati direttamente dai cittadini, l’assessore ha puntualizzato che “siamo nella media, e ci basterà fare un taglio di circa 24 milioni, pari al 3,2% del totale. Grandi passi sono già stati fatti incoraggiando i medici di base a prescrivere i generici, con risparmi significativi su statine e anti-ipertensivi”. Per quest’anno il tetto di spesa è stato fissato per il Piemonte a 827,8 milioni di euro, con una riduzione complessiva del 3.36% rispetto al 2013. “Dall’analisi dei flussi di spesa del primo semestre e dalla proiezione fino a fine anno - sottolinea - emerge che ci sono territori che stanno risparmiando, come Cuneo, Novara, Biella, Vercelli e VCO, mentre Torino è gravemente inadempiente ed Alessandria e Asti sono inadempienti ma in lento miglioramento: se non si cambia rotta, non solo non avremo raggiunto l’obiettivo di 827,8 milioni, ma lo supereremo di almeno 20 milioni”.

Secondo Saitta “su molte voci della spesa farmaceutica c’è spazio per risparmiare molti milioni di euro partendo dalla consapevolezza dell’appropriatezza delle prescrizioni, che deve migliorare sia da parte dei medici ospedalieri sia dei medici di base, chiamati ad aiutare i pazienti a non farsi condizionare dalle pressioni del consumismo farmaceutico. I cittadini hanno bisogno che i loro medici di base li aiutino a cambiare mentalità. La Regione non ha alcuna intenzione di fare la parte dei ‘ragionieri del farmaco’, ma sentiamo forte l’esigenza, nella quotidiana battaglia per ridurre la spesa sanitaria, di essere sostenuti dai medici anche nelle prescrizioni. Ci sono esempi virtuosi che fanno comprendere come sia possibile intervenire in accordo con i medici di base: la spesa per farmaci di grande consumo - le statine per il controllo degli eccessi di colesterolo e gli ace inibitori contro l’ipertensione - registra in Piemonte nel primo semestre del 2014 un grande risparmio, perché si è incrementata in maniera significativa la prescrizione del farmaco generico a discapito di quello cosiddetto di marca: qui emerge forte il ruolo del medico prescrittore al quale il paziente si affida completamente”.

Parlando il 30 settembre a margine dei lavori del Consiglio regionale, Saitta ha sostenuto che "in Piemonte ci sono troppe prescrizioni diagnostiche. Stiamo raccogliendo i dati, poi dovremo intervenire per cercare di arrivare a un contenimento. Il problema è individuare le situazioni di inappropriatezza delle prescrizioni. Finora non ci sono mai stati controlli, e i medici di fronte a un sintomo hanno spesso adottato la via di prescrivere ogni esame possibile. Questo vale sia a livello territoriale sia a livello ospedaliero. Come abbiamo fatto per la spesa farmaceutica dovremo capire dove lo spreco è maggiore e poi sensibilizzare i medici sul tema. Se non vogliamo che la sanità pubblica come
oggi la conosciamo salti, andare a stanare ogni spreco è una strada obbligata".






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.