Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

21/01/2014
Il bilancio 2014 in pareggio con le entrate ordinarie.

Il vicepresidente e assessore al Bilancio, Gilberto Pichetto Fratin, ha presentato il 21 gennaio alla Prima Commissione del Consiglio regionale l’emendamento al bilancio di previsione 2014 che recepisce le indicazioni ricevute dal collegio dei revisori dei conti, attuando le modifiche necessarie.

La proposta prevede il pareggio mediante le sole entrate ordinarie e la cancellazione di mutui per 435 milioni. Quest’ultima somma è ora iscritta come anticipazioni di cassa del Governo, in base a quanto previsto dal decreto legge 35/2013. La cifra in arrivo da Roma coprirà quindi l’intero importo che era stato oggetto della richiesta di rettifica dei revisori contabili, ma con ogni probabilità potrà anche essere superiore. In tutta Italia, infatti, sono ancora da ripartire 7,2 miliardi di euro come anticipazioni di cassa per il pagamento dei debiti degli enti locali e nella suddivisione dei fondi verrà data preferenza alle Regioni che meglio di altre hanno saputo utilizzare questo strumento legislativo. Il Piemonte, in questo senso, è stato in assoluto tra gli enti più efficienti.

“Abbiamo corretto tutti gli aspetti tecnici nei quali il parere dei revisori non era stato favorevole - commenta Pichetto - ma siamo andati anche oltre, riuscendo a reimpostare il bilancio in modo che si riuscisse a ottenere il pareggio esclusivamente con le entrate ordinarie. Questo significa che per il 2014, senza la necessità di ricorrere a entrate straordinarie come prestiti o mutui, teniamo in equilibrio i conti attuando un risanamento concreto ed effettivo. Siamo riusciti a far questo senza effettuare alcun taglio ai servizi essenziali e trovando anche ulteriori risorse per il diritto allo studio, il cui fondo è stato aumentato di due milioni di euro”.

Notizie accolte con soddisfazione dal presidente Roberto Cota: "Un bilancio in pareggio con le entrate ordinarie, rispetto alla situazione ereditata ed ai tagli che abbiamo ricevuto da Roma, è un grande risultato sulla via del risanamento, oltre che un’ulteriore prova del nostro buongoverno".

Nell’emendamento sono anche state recepite le rettifiche sugli altri aspetti evidenziati dai revisori. Tra questi, la contestazione di non aver accantonato somme a titolo di fondo spese impreviste, che sono invece regolarmente contemplate da un’apposita unità di spesa in cui complessivamente sono a disposizione oltre 560 milioni. L’importo complessivo del bilancio di previsione 2014 è di oltre 11 miliardi e 144 milioni.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.