Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

13/01/2014
Roma segua il Piemonte su meno tasse per occupazione e insediamenti.

“Centinaia di imprese o chiudono o vanno via. E la stessa Fiat-Chrysler posizionerà i propri stabilimenti produttivi in base alla convenienza dei costi di produzione. Allora il Governo prenda a modello le politiche messe in campo dalla Regione Piemonte che è rimasta l'unico baluardo con i suoi piani per defiscalizzare le nuove assunzioni e per favorire nuovi insediamenti produttivi”: all'indomani dell'accordo che porterà Fiat al possesso del 100% di Chrysler, il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, lancia questa proposta volta ad ottenere "ricadute positive anche sul nostro territorio e ad aiutare la promozione di tutti i nostri prodotti".

Il desiderio di Cota è che “al di là del solito teatrino mediatico la questione Fiat-Chrysler venga inquadrata correttamente. Marchionne sicuramente è stato molto abile in tutta la gestione dell'operazione ed il risultato finale è importantissimo per Fiat e per i suoi azionisti. Il tema, però, è che cosa può cambiare per il nostro territorio. Sicuramente da un punto di vista dell'immagine, essendo Fiat nata a Torino, siamo di fronte ad un fatto molto positivo, che potrebbe aiutare la promozione di tutti i nostri prodotti, non solo quelli legati ai marchi Fiat. C'è, però, un altro aspetto da valutare: il gruppo Fiat è diventato a tutti gli effetti un gruppo globale che posizionerà i propri stabilimenti produttivi in base alla convenienza dei costi di produzione ed alla capacità di assorbimento dei mercati. Dunque, se vogliamo parlare a ragion veduta di prospettive occupazionali, dobbiamo affrontare questi due aspetti. Ma quale politica fiscale ed industriale ha messo finora il Governo di Roma? Una politica fiscale omicida verso le imprese ed una politica industriale assolutamente inesistente. Queste considerazioni - prosegue il presidente - valgono a prescindere da Fiat, perché la preoccupazione vera sono le centinaia di imprese che o chiudono o vanno via, in posti dove chi intraprende viene lasciato in pace. Si parla sempre di Fiat, ma di queste altre aziende ci si occupa poco”.

“Il Governo - prosegue Cota - potrebbe prendere a modello le politiche messe in campo dalla Regione Piemonte che, nonostante le poche risorse, è rimasta l'unico baluardo con i suoi piani per defiscalizzare le nuove assunzioni, per favorire nuovi insediamenti produttivi e per portare all'estero le eccellenze. Vedremo se e cosa farà Roma. L'interesse, per ore, sembra soltanto finalizzato al commento del giorno dopo. In questo caso si cerca di salire sul carro del vincitore che però, giustamente, gioca una partita per molti aspetti diversa”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.