Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

25/10/2013
Alessandria, intervento dell assessore Gotta su refezione scolastica.

In merito alle polemiche sulla questione del piatto unico nelle mense scolastiche, sento il dovere di precisare alcuni punti oggetto di grande confusione e, per restare nel tema, di alcune polpette, anzi carote "avvelenate", da parte dei soliti noti.
Tra i compiti dell'amministratore c'è quello di governare le criticità e cercare di fare chiarezza, separando nettamente le strumentalizzazioni politiche dalle legittime domande degli utenti dei servizi comunali.
Ecco perché mi rivolgo direttamente ai genitori dei bimbi e ragazzi che usufruiscono del servizio di mensa scolastica. Un servizio da sempre oggetto di osservazioni e attenzioni molto elevate. Proprio in queste settimane infuriano polemiche anche in altre città, a partire da Torino, in quanto le risorse sempre più limitate e le difficoltà organizzative "cozzano" con un aspetto essenziale della crescita e della qualità di vita dei nostri figli.
Parliamo di bimbi e ragazzi con abitudini familiari diverse che si trovano a condividere un momento conviviale della giornata con coetanei e insegnanti. Già, perché anche il momento della mensa è educativo, secondo i principi fondanti del "tempo pieno" come modello pedagogico. Ed allora: perché non mettere in pratica questi principi? Perché, per un consumo più consapevole, non promuovere un lavoro condiviso fra Comune, ASL, Azienda, genitori e ragazzi?
Dunque a noi spetta il compito di compiere le scelte amministrative, come quella, ad esempio, di introdurre il piatto unico alternato al menu tradizionale, e definire le linee programmatiche di erogazione del servizio che l'azienda di ristorazione, l'Aristor, deve mettere in pratica nel miglior modo possibile. E qui veniamo ai doveri in capo all'azienda: i bambini devono ricevere i piatti necessariamente caldi, con un'adeguata quantità e qualità di principi nutritivi, con la garanzia dell'ASL, che c'è e c'è sempre stata anche nelle scorse settimane!
Si sono verificati dei problemi sulla "congruità" del piatto unico e del servizio offerto dall'azienda?
Ebbene, abbiamo subito verificato le segnalazioni giunte, intensificato i controlli e richiesto un ulteriore confronto con Aristor da cui pretendiamo garanzie sul servizio in base a quanto stabilito nel programma. Questo è ciò che deve fare e che ha fatto l'amministrazione con l'azienda. Poi, però, intendo accompagnare l'attività istituzionale con un mio impegno diretto, proprio come ho già fatto nella prima parte dell'anno scolastico con gli Asili Nido: ho programmato per l'inizio di Novembre una serie di visite nelle scuole per approfondire alcuni aspetti, ascoltare insegnanti e genitori e dialogare alla ricerca di soluzioni condivise.
Ribadendo, però, fin da ora la strada da cui non intendiamo tornare indietro: ridurre i costi del modello organizzativo del servizio, evitando ogni tipo di spreco ma senza sacrificare in alcun modo la qualità. Non occorre dimenticare, infatti, che l'attuale riorganizzazione è step fondamentale per potere ridurre le tariffe non appena le norme sul dissesto lo consentiranno.
Ascolto, dialogo e assunzione di responsabilità sono la cifra del mio modo di agire. Lascio ad altri il pericoloso gioco di ricondurre sempre tutto alla speculazione politica. Ricordando loro che le bugie hanno il naso lungo e le gambe corte...







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.