Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

18/10/2013
Arrestati pericolosi pregiudicati albanesi dediti a rapine furti.

Nel corso dell’operazione di polizia giudiziaria dei giorni scorsi, nelle prime ore della giornata di ieri, è stato arrestato da personale della Questura di Roma, un pericoloso albanese latitante, sfuggito alla cattura, quando gli uomini della Squadra Mobile, in collaborazione con la Sezione di Polizia Stradale di Alessandria e con la stessa Questura di Roma, avevano arrestato, nell’ambito dell’operazione “GAS-BOMBER”, nr. 5 cittadini albanesifacenti parte di un pericoloso gruppo di pregiudicati, autori di numerosi furti, perpetrati con l’utilizzo di esplosivi, in danno di “casse continue” di supermercati ed aree di servizio carburanti del nord e centro – Italia, specialmente nelle regioni Piemonte, Liguria, Lombardia, Lazio, Toscana, Emilia Romagna, nonché di furti e rapine all’interno di abitazioni private, per un totale complessivo di un centinaio di “colpi”.

L’arresto di ieri, è frutto di una intensa attività finalizzata alla cattura del pericoloso criminale albanese, per altro già evaso nello scorso mese di giugno dall’Istituto di Custodia Minorile di Bari, considerato al vertice della suindicata organizzazione. L’indagine traeva origine, nei primi giorni del 2013, allorquando nel corso della stessa notte, venivano perpetrate tre analoghe azioni delittuose, una a Basaluzzo (AL), un’altra ad Arquata Scrivia (AL) e la terza ad Acqui Terme (AL).

La tecnica utilizzata in tali occasioni risultava essere la medesima, costituente nell’utilizzo di una miscela esplosiva inserita all’interno della “cassa continua” mediante un cannello collegato a bombole di gas e ad una miccia, necessari a provocare la deflagrazione all’interno della cassa stessa e, quindi, l’apertura dello sportello ed il furto delle banconote ivi custodite.
Tali azioni criminali, per la quantità di esplosivo utilizzato, hanno spesso messo in serio pericolo l’incolumità pubblica dei cittadini residenti negli stabili oggetto della predetta attività criminale.

Nel corso di tali criminali azioni i malviventi in fuga, sempre con autovetture di grossa cilindrata (oggetto di furti e rapine in abitazioni) e ad altissima velocità, hanno tentato di investire gli operatori di polizia che cercavano di interrompere le loro attività criminali.
Infatti, le indagini esperite dalla Polizia di Stato consentivano di appurare che, il tragitto autostradale Alessandria – Roma nord, veniva percorso dai malviventi in un arco temporale inferiore alle tre ore. Lo stesso modus operandi veniva applicato dai criminali per effettuare i relativi sopralluoghi nonché per raggiungere ed allontanarsi dagli obbiettivi colpiti.

Gli immediati accertamenti svolti dalla Squadra Mobile risultavano ben presto contigui ad altre similari attività d’indagine, svolte da Uffici di Polizia nel territorio nazionale.
In particolare, nel corso dell’intervento per un episodio delittuoso commesso in un autogrill della “A26”, nei pressi di Ovada (AL) era stato arrestato dalla Polizia, in flagranza di reato, un cittadino albanese. Nella circostanza, altri tre malviventi albanesi, si erano dati alla fuga nei campi circostanti.
La comparazione delle risultanze investigative, tra le quali il sequestro di autovetture rubate utilizzate per commettere i “colpi”, nonché materiale utilizzato per predisporre l’azione detonante nelle casse continue, permetteva di addivenire all’individuazione di un sodalizio criminale, composto esclusivamente da cittadini albanesi, alcuni dimoranti nella Provincia di Alessandria ed altri in quella di Roma.
Nei loro confronti, l’articolata e complessa attività di indagine svolta dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Alessandria e della Sezione Polizia Stradale di Alessandria, permetteva di attribuire gravi responsabilità in relazione a 35 episodi criminali accertati e contestati, nonché ad un numero indeterminato di altri delitti predatori commessi, non solo ai danni delle “casse continue” di supermercati ed aree di servizio carburanti, ma anche nei confronti di cittadini, in particolare anziani, sorpresi soprattutto nel sonno all’interno delle loro abitazioni.
Gli arresti, l’ultimo dei quali, come detto, è stato eseguito nella mattina di ieri, sono stati tutti effettuati nel corso del mese di ottobre in Roma ed Alessandria.

Nel corso delle perquisizioni eseguite é stato rinvenuto e sequestrato ingente materiale utilizzato per la consumazioni dei suindicati reati: micce a lenta combustione, bombole di acetilene, candelotti di materiale esplodente.
Sono stati altresì sequestrati nr.23 veicoli, proventi di furto ed utilizzati per la consumazione dei numerosi reati, nonché la somma complessiva di 32.000 euro, provento dell’attività illecita. Inoltre, nel corso della medesima operazione risultano indagati altri 19 cittadini albanesi.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.