Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

06/09/2013
Un corso a distanza per riconoscere l’infarto miocardico acuto.

La Regione Piemonte, prima in Italia, avvia un corso di formazione a distanza per consentire a medici ed infermieri del 118, dei Pronto soccorso e delle Cardiologie di riconoscere un infarto miocardico acuto nella sua forma più grave (STEMI) dalla corretta lettura di un elettrocardiogramma, in modo da poterlo curare in tempi rapidi ricorrendo ad un’angioplastica primaria.

Il progetto, che si avvale della partecipazione finanziaria di Stent for Life (iniziativa europea per assicurare ai pazienti con infarto miocardio acuto rapido accesso alle procedure salvavita e condotta in Italia con il patrocinio del GISE, Società Italiana di Cardiologia Invasiva) e dell’azienda farmaceutica AstraZeneca, è stato presentato il 6 settembre nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato Roberto Cota, presidente della Regione Piemonte, Ugo Cavallera, assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Sebastiano Marra, direttore della struttura complessa Cardiologia II dell’ospedale Molinette di Torino, Massimo Giammaria, del Laboratorio di Emodinamica della struttura complessa di Cardiologia dell’ospedale Maria Vittoria di Torino e coordinatore scientifico del corso di formazione, Danilo Bono, direttore del Dipartimento interaziendale Emergenza sanitaria 118, Leonardo De Luca, coordinatore nazionale del progetto Stent for Life.

Il corso parte dal fatto che la rete piemontese per l’emergenza coronarica si basa sul rapido ed efficace riconoscimento dello STEMI mediante la lettura dell’elettrocardiogramma a 12 derivazioni eseguito al primo contatto tra medico e paziente, da cui deriva il rapido avvio del paziente all’ospedale più idoneo al trattamento dell’infarto in atto. E’ per questo motivo che l’esecuzione e la corretta interpretazione dell’elettrocardiogramma e la sua trasmissione rappresentano un momento cruciale nel percorso diagnostico-terapeutico dello STEMI.

Va però considerato che la capacità di interpretare l’ecg è il frutto di uno studio continuo e dell’esperienza dell’operatore, che generalmente coloro che affrontano in prima battuta un paziente con STEMI non sono specializzati nella lettura dell’ecg, generando uno scarso o erroneo riconoscimento con riduzione dell'efficienza generale del sistema, che il rapido turn over di queste categorie di operatori sanitari obbliga ad una particolare attenzione nella continua formazione professionale, che rappresenta anche una delle prime raccomandazioni impartite dalle linee guida sullo STEMI emanate nel 2012 dalla Società Europea di Cardiologia.

L’idea del corso è stata recepita dall’assessorato alla Sanità della Regione Piemonte e da Stent for Life, che hanno finanziato il progetto. Ne è scaturito un prodotto, realizzato in collaborazione con Scientific Press/Gruppo OIC di Firenze, usufruibile con qualsiasi personal computer, tablet e smartphone, costituito da un percorso base e un percorso avanzato, propedeutici fra di essi, da completare entro il 31 dicembre 2013. La Regione, in collaborazione con il 118, sta selezionando i primi 1000 candidati che potranno accedere gratuitamente alla piattaforma. Al termine dell’esperienza piemontese, Stent for Life offrirà lo stesso strumento di formazione ad altre Regioni italiane.

“Una rete all’avanguardia - l’ha definita il presidente Cota - che costituisce un ulteriore tassello del disegno complessivo di costruzione di una sanità moderna, quella che vuole portare il paziente nell’ospedale più appropriato per la cura del suo caso e non in quello più vicino a casa ma non all’altezza. Non è importante avere tante Emodinamiche, è importante inserirle nelle strutture capaci di curare al meglio le patologie”.

“Il caso della cura più appropriata di un infarto - ha aggiunto l’assessore Cavallera - fa capire l’importanza della classificazione degli ospedali piemontesi contenuta nella riforma sanitaria”.








Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.