Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

17/08/2013
Nuove scadenze per le emissioni degli impianti termici.

La Regione ha prorogato dal 1° settembre 2013 al 31 dicembre 2014 il termine entro il quale sarà necessario adeguare gli impianti termici alimentati a metano, gpl e gasolio, oltre a prevedere uno slittamento della deroga relativa al riferimento al valore limite di 120 mg/kWht anziché 80.

Lo “Stralcio di piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento” del 2009 individuava i requisiti minimi prestazionali, sia emissivi che energetici, che devono essere garantiti dai generatori di calore da installarsi a servizio di impianti termici sia in edifici di nuova costruzione che in edifici esistenti. Il testo riportava il limite degli 80 mg/kWht indipendentemente dalla taglia del generatore di calore e dal combustibile utilizzato. Il grave momento di crisi economica, le sollecitazioni provenienti dalle associazioni di categoria, l’oggettiva difficoltà del sistema pubblico di reperire risorse da investire nell’adeguamento dei suoi impianti, nonché una sollecitazione del Consiglio regionale, che con un ordine del giorno ha impegnato la Giunta a prorogare i termini per l’adeguamento degli impianti termici compresi tra 35 kW ed 1 MW alimentati a metano, gpl e gasolio, hanno portato l'esecutivo ad estendere la deroga introdotta nel 2011 per i generatori di calore alimentati a gasolio, che prevedeva la possibilità condizionata di riferirsi ad un valore limite per le emissioni di ossidi di azoto pari a 120 mg/kWht piuttosto che 80. Quest’ultimo provvedimento trova giustificazione nella mancanza di reperibilità sul mercato, per tutte le taglie di potenza necessarie, di tecnologie in grado di rispettare, mediante tecniche primarie di combustione, i limiti emissivi che riguardano gli ossidi di azoto, per cui l’eventuale superamento comporta l’adeguamento dell’impianto, che si traduce quasi sempre nella sostituzione del generatore/caldaia entro determinate scadenze temporali.

“La decisione di estendere la deroga rispetto agli impianti a gasolio - precisa Ravello - è stata dettata dalla constatazione dell’impossibilità con gli attuali impianti disponibili sul mercato di far fronte per tutte le taglie alle indicazioni del Piano stralcio. Non si può chiedere a cittadini ed imprese un adeguamento dei propri impianti se sussistono oggettive difficoltà di reperire le soluzioni tecnologiche idonee per poter rispettare i limiti fissati dalle norme. Di fronte ad una situazione di evidente crisi economica delle famiglie e degli enti pubblici abbiamo ritenuto corretto prevedere uno slittamento dei tempi per quegli impianti che riguardano per lo più edifici pubblici, scuole, palestre, strutture ricettive oltre che condomìni. E’ un provvedimento - fa presente l'assessore - che risponde appieno alle logiche della Giunta regionale rispetto al fatto che le azioni per la riduzione degli impatti sull’ambiente debbano essere caratterizzate dalla sostenibilità economica, potendo rappresentare anche opportunità di crescita e sviluppo”.










Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.