Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

22/07/2013
Difendere il vino dai dazi cinesi.

Il presidente Roberto Cota ha partecipato il 19 luglio al convegno “Contenzioso UE-Cina: quale futuro per il vino del Nord Italia?”, svoltosi presso il Centro vitivinicolo Riccagioia di Torrazza Coste (Pavia) ed al quale hanno partecipato anche i presidenti di Lombardia e Veneto, Roberto Maroni e Luca Zaia.

Nel suo intervento, Cota ha sostenuto che “la difesa del vino è un tema molto caro a tutto il sistema produttivo piemontese. Per questo con i governatori di Lombardia e Veneto, e ai rispettivi assessori all'Agricoltura, abbiamo detto compatti un chiaro e secco no a questa follia dei dazi cinesi sui nostri vini. Mi hanno colpito particolarmente - ha continuato Cota - le modalità della procedura che la Cina ha messo in campo ai nostri danni: le nostre aziende dovranno compilare un questionario tutto in cinese, necessario per la registrazione. Chi non la fa, ha un’ulteriore penalizzazione, oltre a quella che già si prospetta con i dazi. Una cosa del genere non può essere accettata. Noi dobbiamo difendere i nostri prodotti d'eccellenza per principio, ma anche perché per anni abbiamo dovuto subire l'invasione di merce cinese a basso costo senza alcuna protezione per le nostre aziende. Chiediamo dunque un minimo di equità”.

Quella che è stata definita la prima iniziativa concreta della Macroregione del Nord ha visto i tre presidenti inviare alla Commissione e al Parlamento europeo una lettera congiunta per chiedere tutele alle loro produzioni vinicole: "Scriviamo in nome e in rappresentanza degli oltre venti milioni di abitanti che vivono nelle nostre regioni. Manifestiamo preoccupazione per l'iniziativa ostile assunta da un Paese molto importante, già oggi e a maggior ragione in prospettiva temporale, per la continuità e la crescita dell'esportazione dei nostri vini. Ulteriori aggravi per i nostri esportatori porterebbero a danni economici che riteniamo non sostenibili e che devono essere prevenuti da una efficace azione politica europea, capace di incidere sulla qualità e durata delle relazioni commerciali con uno dei più importanti Paesi".








Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.