Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

15/06/2013
Ottimi risultati per riciclo dei rifiuti e riduzione degli imballaggi.

Sono circa 750 le tonnellate di rifiuti non prodotte in un anno grazie alle misure avviate da 17 punti vendita delle catene Auchan, Ipercoop, Il Gigante, Leroy Merlin per ottimizzare il recupero e il riciclo dei rifiuti di imballaggio e diminuire gli impatti ambientali generati dall’attività commerciale.

Ad un anno e mezzo dalla sottoscrizione del protocollo d’intesa siglato nell’ambito del progetto italo-francese R2D2 tra Regione Piemonte, Consorzi rifiuti Cisa di Ciriè, CCA di Ivrea, Cosrab di Biella e la grande distribuzione organizzata piemontese, i risultati confermano la validità delle buone pratiche messe in atto. Diverse sono le strategie di intervento adottate dalla singole catene commerciali: campagne di informazione sulla gestione del rifiuto e l’impiego di imballaggi riutilizzabili; promozione di prodotti a basso contenuto di imballaggio confezionati in imballaggi riciclati; vendita di prodotti sfusi a peso; uso di imballaggi e contenitori riutilizzabili per la vendita di prodotti ortofrutticoli; riduzione della pubblicità cartacea e recupero solidale delle eccedenze alimentari.

In particolare, sono stati oltre 425mila i kg di carta risparmiati attraverso la diminuzione del numero di volantini pubblicitari prodotti e sostituiti da sms, newsletter e notiziari; 5.619 i kg di rifiuti da imballaggio risparmiati grazie alla vendita alla spina dei detersivi (evitando così l’utilizzo di ben 87.500 flaconi di detersivo da un litro); 21.833 i kg di rifiuti risparmiati derivanti da generi alimentari secchi sfusi e 131.700 i tappi in sughero raccolti da destinare alla bioedilizia. È stata infine evitata la produzione di 304.043 kg di rifiuti prevalentemente organici grazie al recupero dell’invenduto destinato ad Onlus, per un totale di circa 507.000 pasti non finiti nella spazzatura.

“La prevenzione dei rifiuti da imballaggio - ha dichiarato l’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Ravello, durante la presentazione dei risultati - assume grande importanza soprattutto nel caso della grande distribuzione. Alla luce degli effetti ottenuti, il Piemonte dimostra di essere ancora una volta all'avanguardia nella gestione dei rifiuti: pur avendo percentuali da primato sulla raccolta differenziata, dove siamo al 51,4%, abbiamo voluto fare un ulteriore passo in avanti, puntando alla riduzione della quantità. Il progetto R2D2 ci ha dimostrato come il riciclo, in particolare, costituisca una delle componenti più dinamiche della green economy e di quale sia il suo contributo nell’affrontare alcune delle sfide più importanti e rilevanti che ci attendono: dalla riduzione degli impatti ambientali dei processi e dei prodotti, al risparmio energetico e alla creazione di nuova occupazione, al rafforzamento delle risorse di base disponibili per l’economia. Non è da sottovalutare la declinazione sociale del progetto, rivelatosi un importante strumento di supporto alle Onlus che si rivolgono alle categorie più disagiate garantendo pasti caldi tutti i giorni”.

Ravello ha poi annunciato che “l’impegno della Regione non si ferma qui. Continueremo ad occuparci di riciclo rifiuti e imballaggi attraverso il tavolo tecnico con la Gdo, finalizzato ad incrementare l’offerta di prodotti disimballati, attuare iniziative di attenzione alla riduzione della produzione dei rifiuti nei supermercati, far emergere nuove proposte e idee progettuali perseguibili e sostenibili di riduzione dei rifiuti da proporre al mercato”.








Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.