Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

05/06/2013
Il Piemonte utilizza i fondi europei in maniera virtuosa.

La Regione Piemonte sta utilizzando in modo virtuoso i fondi europei, soprattutto quelli su lavoro e sviluppo economico. E’ quanto ribadito il presidente Roberto Cota e l’assessore al Lavoro, Claudia Porchietto, al termine dell’incontro che hanno avuto il 4 giugno con le parti sociali e le organizzazioni datoriali per presentare i dati dell’ormai terminata programmazione del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013.

“I problemi legati all’attuale crisi - ha sostenuto Cota - li conosciamo tutti purtroppo molto bene e abbiamo individuato dei filoni di intervento, che speriamo possano essere il più possibile condivisi e sui quali i suggerimenti sono ben accetti. La disoccupazione, soprattutto giovanile, la perdita di competitività delle nostre imprese e l’eccesso di burocrazia in molti settori della vita pubblica sono i grandi mali che colpiscono il Piemonte e contro cui dobbiamo fare fronte comune. Se il Governo a Roma vuole fare qualcosa, ha la possibilità di farlo, ma deve essere qualcosa di concreto subito. Altrimenti, dia alle Regioni gli strumenti per agire sui i punti più critici. L’assessorato al Lavoro sta facendo molto bene, ma il nostro margine di manovra su macroproblemi come quelli legati alla crisi è purtroppo ancora troppo limitato”.

L’assessore Porchietto ha precisato che “non ci siamo limitati a condividere con le parti sociali una fotografia sull’avanzamento dell’utilizzo delle risorse comunitarie, ma abbiamo anche aperto una seria riflessione su come meglio utilizzare i fondi della nuova programmazione 2014-2020. E’ facile comprendere infatti come, a causa delle note ristrettezze di bilancio che stiamo vivendo come enti locali, gli oltre 2 miliardi di Fse e Fesr siano essenziali per sostenere il nostro tessuto produttivo e sociale. Un dato per chiarire il valore aggiunto dei fondi comunitari: grazie solo all’Fse la Regione Piemonte ha garantito servizi per un bacino di quasi 389mila persone, di cui oltre 93mila disoccupate. Da quando ci siamo insediati, grazie all’opera di semplificazione che abbiamo posto in essere, abbiamo migliorato sensibilmente le capacità di impegno e di spesa dei fondi europei diventando una delle Regioni più virtuose d’Italia”.

Per quanto riguarda la nuova programmazione, Porchietto ha sostenuto l’opportunità di agire su sei direttrici: costruzione di misure stratificate e coordinate tra i vari fondi (Fse, Fesr); centralità delle politiche del credito anche grazie ad interventi statali; sostegno alle medie imprese come volano per le filiere ad esse legate; consolidamento del capitale umano e delle politiche sulla formazione, in particolare quella d’alto livello; ottimizzazione dei servizi di accompagnamento e orientamento al lavoro; sostegno individuale all’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.