Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

04/06/2013
I risarcimenti Eternit per le bonifiche e la ricerca.

La sentenza della Corte d’Appello di Torino sul processo Eternit, che ha portato alla condanna a 18 anni di reclusione per disastro doloso dell’imprenditore elvetico Stephan Schmidheiny ed alla concessione di un risarcimento di 30,9 milioni al Comune di Casale Monferrato, di 20 milioni alla Regione e 30 ai familiari delle 3.000 persone decedute ha portato il presidente Roberto Cota a dichiarare che “in questa giornata il mio pensiero va innanzitutto alle vittime e alle loro famiglie. I risarcimenti dovranno servire al completamento delle bonifiche e, in ambito sanitario, alla cura e alla ricerca sulle malattie collegate all'amianto”.

L’assessore alla Sanità, Ugo Cavallera, l’ha definita “una sentenza che riconosce la piena legittimità della battaglia giuridica condotta dalle famiglie delle vittime dell'amianto e da tutti coloro che hanno condiviso e sostenuto questa posizione. La Regione prosegue il suo impegno per la bonifica ambientale e per le attività a favore della popolazione, in collaborazione con l'associazione dei famigliari e con il Comune di Casale Monferrato. In particolare, come assessorato alla Sanità, siamo impegnati sul fronte della prevenzione e per lo sviluppo di nuove attività di ricerca e la prosecuzione di quelle che meglio rispondono all'esigenza di trasformare le scoperte scientifiche di laboratorio in pratiche rivolte a migliorare il trattamento terapeutico dei pazienti affetti da mesotelioma polmonare, ad alleviare il dolore e a migliorare la qualità della vita”.

L’assessore all’Ambiente, Roberto Ravello, ha sostenuto che “molto è stato fatto, ma resta ancora molto da fare per bonificare il Piemonte dalla presenza dell'amianto. Con tale consapevolezza la Regione è impegnata in modo deciso e continuativo per arrivare a questo importante risultato, come dimostrano il recente bando per la rimozione dell'amianto dalle coperture degli edifici scolastici e la rimodulazione dei fondi ministeriali, che ha permesso di assegnare 9 milioni in più per Casale Monferrato. I 20 milioni che i giudici hanno riconosciuto alla Regione verranno utilizzati per dare ulteriore slancio alle opere di bonifica e per proseguire sulla strada che ci porterà a fare del Piemonte un territorio libero dall'amianto".









Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.