Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

28/05/2013
Altri 65 milioni a Comuni e Province dal Patto di stabilità regionale.

Un’erogazione di oltre 65 milioni di euro in favore di Comuni e Province nell’ambito dell’applicazione del Patto di stabilità regionale è quanto deciso il 28 maggio dalla Giunta del Piemonte che, contestualmente alle Regioni Lombardia e Veneto, ha riproposto la misura già varata lo scorso anno per consentire alle amministrazioni più virtuose di poter investire nei servizi e accelerare i tempi di pagamento alle imprese. Decisa anche la nuova suddivisione delle risorse assegnate, sulla base dei criteri condivisi come sempre con il Consiglio delle Autonomie locali.

Il meccanismo è quello consolidato: la Regione cede spazi finanziari agli enti locali, riducendo il relativo obiettivo di patto, ricevendo in cambio dallo Stato risorse cash. Per ogni euro ceduto agli enti locali da Roma arriveranno 0,83 centesimi.

“Un provvedimento di cruciale importanza per la qualità della vita nei nostri territori, che rende merito a chi ha saputo ben amministrare e si propone di farlo anche nel futuro - commenta il presidente Roberto Cota - Le risorse che ripartiamo a Comuni e Province piemontesi potranno consentire lo sblocco di opere essenziali, il potenziamento dei servizi per i cittadini e una boccata d’ossigeno alle imprese che sono creditrici nei confronti degli enti locali. Stimiamo di poter mobilitare con questa misura investimenti per circa 250 milioni”.

Il patto di stabilità regionale vale complessivamente lo sblocco di 65.868.000 euro, di cui 49.400.000 ai Comuni e 16.460.000 alle Province. Il dettaglio del riparto ai Comuni prevede 5.419.000 euro per l’Alessandrino, 2.706.000 per l’Astigiano, 2.416.000 per il Biellese, 6.918.000 per il Cuneese, 3.991.000 mila per il Novarese, 21.807.000 per il Torinese, 3.338.000 per il Vercellese, 2.811.000 per il Verbano-Cusio-Ossola.

“Altre risorse importanti per i Comuni e le Province arriveranno dalla conversione del decreto legge 35 - aggiunge il vicepresidente e assessore al Bilancio, Gilberto Pichetto Fratin - Quasi certamente parliamo di altri 39 milioni di euro complessivi, che prevediamo di sbloccare nel mese di giugno. L’applicazione di questo decreto sarà a vantaggio soprattutto dei piccoli Comuni. La maggior parte degli ulteriori fondi verranno infatti destinati ai centri con meno di 5.000 abitanti, così come previsto dalla normativa, riuscendo così a portare l’attuale stanziamento in loro favore da 14 e mezzo fino a un totale di 39 milioni”.

Nella stessa seduta la Giunta regionale ha anche approvato il rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2012. Relativamente allo scorso anno il disavanzo è di quasi 666 milioni, un terzo dei quali causato dalla cancellazione dei residui attivi iscritti negli anni passati, tuttavia non esigibili. L’approvazione del rendiconto 2012 si riferisce ovviamente all’anno appena trascorso e non tiene conto della nuova programmazione finanziaria regionale, che permette da quest’anno di non creare altro debito e di avere un bilancio sano in termini di competenza e cassa, con la canalizzazione di entrate certe.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.