Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/05/2013
I 50 anni della legge sulla doc dei vini.

Il 50esimo anniversario del decreto che istituì le denominazioni di origine dei vini (dpr n.930 del 12 luglio 1963) è stato al centro del convegno “1963-2013. Il vino, la memoria, il futuro. La legge delle doc dei vini compie 50 anni. Una storia molto piemontese”, che si è svolto il 3 maggio nella sala Viglione di Palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale.

Durante l’iniziativa, promossa da Regione e Consiglio regionale in collaborazione con il comitato promotore del 50esimo della legge sulle Doc dei vini e con la Vignaioli piemontesi, è stato presentato il libro Figli dei territori, Sagittario editore, con cui il comitato vuole celebrare la ricorrenza e ne sintetizza gli scopi, ovvero rievocarne la storia, ricordare i protagonisti e offrire una serie di opinioni e di elementi per stimolare il confronto e le proposte per rafforzare e far crescere la nostra vitivinicoltura. Il libro contiene anche la documentazione completa e aggiornata, regione per regione, di tutti i vini riconosciuti e attualmente rappresentati da 330 doc, 73 docg, 119 igt.

Parte del convegno - al quale oltre all’assessore regionale all’Agricoltura, Claudio Sacchetto, sono intervenuti Giuseppe Martelli, presidente del Comitato nazionale vini del Ministero delle Politiche agricole, Andrea Desana, coordinatore del comitato promotore del 50esimo, Elio Archimede, coordinatore editoriale del libro, Luigi Biestro, direttore della Vignaioli piemontesi, Vittorio Camilla, coautore del libro, Marco Goria, presidente della Fondazione Giovanni Goria - è stata dedicata alla rievocazione dei due protagonisti piemontesi della storia della legge sulle doc: il senatore Paolo Desana e l’onorevole Giovanni Goria, con la simbolica cerimonia di consegna delle targhe alla memoria dei due personaggi ai rispettivi figli.

Per l’assessore Sacchetto “il convegno ha dimostrato ancora una volta che quello del vino rappresenta uno dei comparti più importanti, vitali e attivi della nostra economia e della nostra società. I nostri vini, famosi e apprezzati in tutto il mondo, dove vanno in buona parte, per un export che ha raggiunto un valore di quasi 5 miliardi di euro, sono anche simbolo e ambasciatori delle qualità del Made in Italy. Il Piemonte, terra di grandi vini e antiche tradizioni vitivinicole, è parte fondamentale di tale sistema e del processo evolutivo che ha portato l’Italia a diventare paese leader mondiale del vino. Anche per tali motivazioni abbiamo patrocinato e sostenuto tutto il programma del 50esimo della legge sulle doc e con una punta di orgoglio abbiamo voluto anche rilevare la storia molto piemontese della legge, ricordandone appunto i due storici protagonisti. E’ grazie a questi grandi uomini ed al lodevole lavoro dei suoi circa 20.000 produttori il Piemonte si è guadagnato anche sul campo i suoi meriti e valori vitivinicoli”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.