Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

19/03/2013
Scuola, finanziamenti per le classi 2.0

Le scuole superiori paritarie e le agenzie formative hanno tempo fino al 20 aprile per partecipare al bando per lo sviluppo e l’implementazione delle classi 2.0 aperto dalla Regione con una dotazione di 700mila euro.

L’azione si inserisce nel Piano nazionale Scuola digitale, siglato il 18 settembre scorso tra il Ministero dell’Istruzione, la Regione Piemonte e l’Ufficio scolastico regionale, e si aggiunge al bando per le scuole statali già lanciato nelle settimane passate dall’Usr.

“Oggi la tecnologia fa parte integrante della vita professionale e privata di ognuno di noi e i giovani sono i più portati verso i nuovi strumenti di comunicazione - sottolinea Alberto Cirio, assessore regionale all’Istruzione - Quindi potenziare tra i banchi l’uso degli strumenti informatici è un modo per rendere la nostra scuola più competitiva e al passo con i tempi”.

“Questo bando risponde all’esigenza di adeguare la scuola all’entrata dei nostri ragazzi nell’era digitale - osserva Claudia Porchietto, assessore regionale al Lavoro e alla Formazione professionale -. Oggi si parla spesso di digital divide, ma come è stato detto anche da autorevoli personaggi internazionali sarebbe più corretto parlare di apartheid digitale persistente. La Regione Piemonte vuole nel suo piccolo abbattere questo tipo di barriera per permettere ai nostri giovani di avere pari chance per il proprio futuro”.

Il bando copre le spese relative all’acquisto di dispositivi individuali (ad esempio pc portatile o tablet) per ogni studente e docente coinvolto nel progetto e di dispositivi collettivi e attrezzature tecnologiche d’aula, oltre ai costi per la formazione specifica dei docenti e l’assistenza informatica.

Ogni scuola superiore paritaria può aderire presentando la candidatura di massimo due classi scelte tra quelle del 1° e 3° anno e potrù ottenere un contributo del 50% sul valore del progetto fino ad un massimo di 14mila euro a classe. Per le agenzie formative il contributo è del 100% sul valore del progetto, fino ad un massimo di 14mila euro a classe. Anche in questo caso possono essere candidate massimo due classi ad agenzia, scelte tra la 1° del percorso biennale di qualifica con crediti in ingresso e le classi 1° e 2° del percorso triennale di qualifica. I progetti ammessi dovranno essere avviati entro l’inizio dell’anno scolastico 2013/2014 e conclusi entro e non oltre il 2014/2015.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.