Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

07/11/2012
Riforme radicali per la Regione.

Contenimento della spesa, riduzione del debito, riorganizzazione delle strutture regionali e dismissione delle società partecipate sono i temi affrontati durante la seduta straordinaria del Consiglio regionale svoltasi il 6 novembre.

In apertura gli assessori alla Sanità, Paolo Monferino, e al Bilancio, Giovanna Quaglia, hanno presentato i dati riassuntivi del debito negli ultimi anni e gli interventi di razionalizzazione già adottati. In particolare, Monferino ha evidenziato il calo progressivo della spesa sanitaria, tanto che si prevede per il 2012 un avanzo di 56 milioni, mentre Quaglia ha sostenuto che il debito attuale è dato dallo sbilancio tra entrate e uscite tra il 2005 e il 2011, con un incremento di circa 4,5 miliardi. Da qui la necessità di una gestione straordinaria senza fare ricorso a nuovo indebitamento, e con decisi interventi non solo sulle erogazioni, ma anche sui costi di funzionamento dell’ente.

A concludere i lavori della mattinata il presidente Roberto Cota: “Intendo completare il mio mandato avendo messo in ordine i conti della Regione, che non è fallita ma sistema necessita di riforme radicali. L’affermazione di Monferino aveva un significato esclusivamente tecnico: voleva dire che non potendo più fare nuovi debiti e dovendo pagare i vecchi, le entrate devono corrispondere alle uscite, altrimenti il sistema fallisce”.

“La Regione - ha detto ancora Cota - ha accumulato nel passato un debito molto alto, circa dieci miliardi, perché spendeva senza controllo e per chiudere i bilanci si ricorreva ad artifizi vari e non a riforme strutturali. Ora però la spesa sanitaria è stata riportata sotto controllo, rispettando il piano di rientro e approvando riforme strutturali come il Piano sanitario, che per la prima volta prevede per la Regione un modello organizzativo proprio, anziché seguire le decisioni dello Stato. E’ una riforma che necessita di un’applicazione puntuale e senza tentennamenti, perché attuarla vuol dire creare una sistema sanitario moderno ed efficiente che taglia duplicazioni e sprechi e sa stare in equilibrio con le risorse statali e generare così fondi per l’assistenza. Un obiettivo difficile, che verrà realizzato durante il mandato. Ma il percorso che abbiamo avviato comprende anche la riorganizzazione della macchina regionale, che deve rendere servizi ai cittadini senza difendere realtà autoreferenziali. E’ nostro dovere intervenire in maniera radicale e strutturale, come la dismissione dalle società partecipate. Il mondo cambia e noi dobbiamo intervenire. Alla fine avremo una Regione più efficiente e con i conti a posto”.

L’assessore Monferino ha precisato che "stiamo spendendo meno rispetto agli obiettivi che ci eravamo posti nel piano di rientro per il 2012. Il costo totale della sanità era di 8 miliardi e 692 milioni nel 2010, di 8 miliardi e 620 milioni nel 2011 e sarà di 8 miliardi e 559 milioni quest'anno. Va tenuto presente che i costi hanno avuto l'aumento dell'Iva e che la legge 118 ha previsto che nelle spese sanitarie vengano inclusi gli ammortamenti, che per noi rappresentano cifre importanti. C'é poi da considerare - ha aggiunto - la partita relativa al buco di 900 milioni legato ai crediti delle Asl nei confronti della Regione, creato nel 2006 e 2007. Bisognerà vedere se il ministero ci chiederà di inserirli, ma noi abbiamo un'altra idea, che proporremo nel primo incontro che avremo con il Governo". Per Monferino, che recentemente in Commissione aveva parlato di "Regione tecnicamente fallita", la situazione dei conti regionali è ora largamente sotto controllo perchè "il programma di efficienza sta camminando abbastanza bene, se manteniamo questi conti il piano di rientro può dirsi concluso".






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.