Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

06/09/2012
Le scuole piemontesi presto ancora più digitali.

Il 18 settembre a Roma verrà siglato un accordo tra Regione Piemonte, Ministero dell’Istruzione e Ufficio scolastico regionale per lo sviluppo del “Piano nazionale Scuola Digitale”.

Il progetto, avviato per migliorare e potenziare la dotazione informatica delle scuole italiane, vedrà per il Piemonte uno stanziamento complessivo di circa 4,3 milioni di euro: 2.095.000 messi a disposizione dal Ministero e 2.200.000 assegnati dalla Regione Piemonte tramite gli assessorati all’Istruzione, alla Formazione professionale e alla Montagna.

In particolare: 2,2 milioni serviranno per sviluppare le classi 2.0, dotando ogni studente di un tablet e le classi di lavagne interattive (il 30% delle risorse andrà alle primarie, un altro 30% alle medie e il restante 40% alle superiori); 200.000 per il potenziamento delle scuole 2.0, ovvero della connessione degli istituti alla rete; 1,5 milioni per garantirne la funzionalità didattica delle scuole di montagna per mezzo delle tecnologie informatiche; 400.000 euro per implementare le classi 2.0 anche nelle agenzie di formazione professionale (sempre con tablet e lavagne digitali).

“Il mondo oggi ruota attorno alle nuove tecnologie dell’informazione ed è imprescindibile che la scuola sia al passo con i tempi - commenta il presidente della Regione, Roberto Cota - Questo protocollo ci permetterà di rendere le nostre scuole ancora più digitali e di proseguire un percorso di innovazione della didattica in cui il Piemonte è già all’avanguardia. Pensiamo, ad esempio, all’importante esperienza con il progetto RETELIM, di cui la nostra Regione è capofila sperimentale in Italia e che ha l’obiettivo di supportare tecnologicamente l’insegnamento per gli studenti ospedalizzati, permettendo addirittura di collegarli in videoconferenza con i compagni e i propri insegnanti in classe”.

“Queste risorse - aggiunge l’assessore regionale all’Istruzione, Alberto Cirio, insieme agli assessori alla Montagna, Roberto Ravello, e alla Formazione professionale, Claudia Porchietto - ci permetteranno di migliorare e aumentare la dotazione tecnologica delle scuole piemontesi e delle agenzie di formazione e, parallelamente, di fare una specifica formazione per gli insegnanti. Inoltre, la scelta di compartecipare con nostre risorse allo stanziamento ministeriale ci mette in una posizione virtuosa che il Miur premierà, assegnandoci un contributo aggiuntivo di cui conosceremo presto l’importo e che ci permetterà di potenziare ulteriormente gli interventi”.







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.