Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

26/07/2012
Piccoli Comuni e gestione associata: approvato il ddl in Commissione.

L’assessore regionale agli Enti locali, Elena Maccanti, ha commentato con soddisfazione l’approvazione, avvenuta il 26 luglio in I Commissione, del disegno di legge sui piccoli Comuni e sulla gestione associata. Il provvedimento passerà all’esame dell’aula nei primi giorni di settembre.

“La legge - sostiene Maccanti - è il frutto di un lungo confronto con i territori, con le associazioni delle autonomie locali, con le organizzazioni sindacali e con le forze di maggioranza e opposizione all’interno del Consiglio regionale. Il lavoro di questi mesi consegna ai 1206 Comuni piemontesi una legge costruita sulla nostra realtà che semplifica e consente agli amministratori di riorganizzare i servizi in base alla normativa statale”:

Queste le novità più importanti.

Normativa statale. Prevede che i Comuni sotto i 5000 abitanti in pianura e sotto i 3000 abitanti in montagna debbano gestire in forma associata le funzioni fondamentali attraverso l’unione o la convenzione. L’articolo 19 del decreto 95 (in fase di conversione) ha ridefinito le funzioni fondamentali, che sono: organizzazione generale dell’amministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo; organizzazione dei servizi pubblici; catasto; pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale; pianificazione di protezione civile e coordinamento dei primi soccorsi; organizzazione e gestione dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti e relativi tributi; edilizia scolastica, organizzazione e gestione dei servizi scolastici; polizia municipale e polizia amministrativa locale; tenuta dei registri di stato civile. I Comuni dovranno gestire in forma associata 3 di queste funzioni entro il 1° gennaio 2013 e le altre entro il 1° gennaio 2014. Superato il problema dell’art.16; i comuni sotto i 1000 abitanti potranno aderire a un’unione senza perdere il bilancio.

La legge della Regione Piemonte: il Comune al centro. “La nostra legge - osserva Maccanti - si basa su un principio cardine: è il Comune al centro del sistema, ed è il Comune che deve poter decidere con chi gestire le sue funzioni e con quali modalità”.

Limiti minimi demografici. Il Piemonte abbassa la soglia demografica prevista a livello nazionale (10 mila abitanti) e la fissa a 3.000 per la montagna e la collina e a 5.000 per la pianura. Rispetto alla proposta iniziale è stato elevato a 40.000 il limite minimo per la funzione sociale, nella consapevolezza che per garantire l'efficienza e l'erogazione dei servizi siano necessari ambiti più ampi. Ovviamente, per entrambi i limiti saranno concesse deroghe motivate.
Unione e convenzione. La legge pone sullo stesso piano i due strumenti di gestione associata, unione e convenzione, e chiarisce anche che non sono alternativi, ma possono essere usati insieme per raggiungere diversi ambiti territoriali. Si introducono inoltre principi che rendono la convenzione più stabile, come la durata triennale e la definizione dei rapporti economici tra i contraenti.

Carta delle aggregazioni. Saranno i Comuni, nel rispetto dei requisiti, a proporre alla Regione la forma associativa e l’ambito territoriale, ma è stata introdotta la facoltà, per la Regione, di intervenire in una fase successiva per favorire il raggiungimento dell'ambito ottimale e impedire che un Comune obbligato resti fuori da forme di gestione associata.

Comunità montane. Nessuna marcia indietro sulle Comunità montane, che si trasformeranno in forme aggregative su volontà dei Comuni aderenti riconoscendone la peculiarità montana. La legge affida un ruolo all'assemblea dei sindaci, che sottoporrà ai Comuni una proposta di ambito territoriale, proposta che potrà essere approvata o modificata dagli stessi enti locali. Il comune mantiene la sua autonomia decisionale ma l'assemblea dei sindaci può cercare di guidare il percorso. Infine, nel caso in cui tutti i Comuni appartenenti a una comunità decidano di costituire un’unione montana non ci sarà soluzione di continuità né bisogno di un commissario per il riparto. Il Commissario verrà invece nominato in tutti gli altri casi.

Funzioni e fiscalità delle ex Comunità montane. Le funzioni gestite dalle Comunità Montane verranno riordinate e attribuite ai Comuni, che dovranno gestirle in forma obbligatoriamente associata. Alle funzioni corrisponderà anche una fiscalità, che deriverà da una parte delle tasse prodotte nei territori montani.

Personale delle Comunità montane. Sono stati accolti gli emendamenti delle organizzazioni sindacali. La Regione trasferirà le funzioni e il personale, insieme alle risorse finanziarie per sostenerli, alle nuove aggregazioni e incentiverà i Comuni che assumeranno il personale, che invece non è legato a queste funzioni, con contributi economici, provvedendo anche alla loro riqualificazione.

“La Regione - anticipa inoltre Maccanti - varerà da settembre in poi una serie di iniziative, in collaborazione con le organizzazioni delle autonomie locali, per aiutare i Comuni. Istituiremo una vera e propria task force all’interno dell’ente a disposizione delle amministrazioni locali per fornire tutto il supporto tecnico necessario, dagli statuti all’interpretazione della normativa. Non lasceremo solo neanche un Comune e prevediamo una serie di incontri in tutte le Province. In un quadro normativo statale di grande incertezza come quello attuale, con provvedimenti disorganici inseriti in leggi finanziarie e continui rinvii, la Regione Piemonte intende fornire ai piccoli Comuni piemontesi, stretti tra l’obbligo di gestione associata e l’introduzione dal 2013 del patto di stabilità, una legge che permetta loro di organizzare i servizi tenuto conto della specificità del territorio piemontese”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.