Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

24/07/2012
A rischio la riapertura delle scuole superiori.

“Senza colpire alcuno spreco, i tagli lineari del Governo Monti agli enti locali rischiano di avere effetti devastanti al Nord, tanto che senza modifiche ai criteri di riparto, che devono basarsi non sui consumi intermedi ma sui costi standard, è addirittura a rischio la riapertura delle scuole superiori”: a lanciare l’allarme è l’assessore regionale agli Enti locali, Elena Maccanti.

“E’ inaccettabile che vengano penalizzate realtà come le Province piemontesi, che da anni, anche a seguito del trasferimento di funzioni da parte delle Regioni, svolgono competenze importanti come i trasporti e la formazione professionale. E’ in atto un vero e proprio attacco alle autonomie locali del Nord: queste realtà svolgono senza sprechi e con competenza, un ruolo fondamentale nel garantire i servizi ai cittadini, a differenza di altri territori che non hanno investito risorse”.

Maccanti si dichiara d’accordo sul fatto che “sotto il profilo istituzionale sia indispensabile una politica di riordino, che però deve partire dalle Regioni, cui deve spettare la competenza in ordine a criteri, funzioni e fiscalità in base alle specificità territoriali. Il Piemonte ha 1206 Comuni, di cui 1077 sotto i 5000 abitanti. Per noi, le aree vaste con enti di primo livello sono indispensabili per dare risposta e voce ai territori. Il Governo faccia la sua parte e inizi a ridurre la sua presenza sul territorio, a partire da Prefetture e uffici periferici vari. Siamo e restiamo convinti - conclude l’assessore - che, se bene organizzate, le Province siano uno strumento indispensabile che semplifica i livelli di governo e consente alle Regioni di svolgere appieno le funzioni di programmazione e l'attività legislativa. Per questo occorre dare autonomia ordinamentale alle Regioni”.

Sul tema è poi intervenuto il 21 luglio il presidente Roberto Cota, che in un'intervista a SkyTg24 ha sostenuto che "il Governo disegna una nuova geografia senza conoscere territorio. Taglia le Province, ma non taglia le Prefetture: non si può pretendere di tracciare da Roma nuove cartine geografiche senza conoscere il territorio.
Come presidente di Regione sono molto attento alla razionalizzazione delle risorse, tant'é che per primo, insieme
ai presidenti delle Province piemontesi, ho proposto una suddivisione del Piemonte in quattro province anziché in otto. Ma queste proposte devono partire da chi ha esperienza delle esigenze del territorio. Il Governo invece - ha proseguoto Cota - pensa di utilizzare la campagna contro le Province come specchietto delle allodole per nascondere la mancanza di veri tagli agli sprechi nelle spese dello Stato. Se avesse cominciato dal taglio delle
Prefetture avrei avuto una diversa considerazione".






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.