Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

05/12/2011
A Torino la prima mostra italiana su Steve Jobs.

Dal 2 dicembre al 26 febbraio il Museo regionale di Scienze naturali di Torino ospita “Steve Jobs 1955-2011”, prima mostra italiana dedicata all’imprenditore californiano, inventore e co-fondatore di Apple Inc., scomparso il 5 ottobre scorso. Ad organizzarla l’assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e il gruppo torinese BasicNet, che possiede una delle più complete collezioni al mondo di personal computer e storia dell’informatica.

Per ripercorrere la storia umana e imprenditoriale di Jobs la mostra è stata suddivisa in dieci aree tematiche: dalla fondazione della Apple nel 1976 nel garage di casa (fedelmente riprodotto in scala 1:1) al licenziamento dalla sua stessa azienda (dove tornerà nel 1997), dalla creazione della Pixar, vera e propria rivoluzione nell’industria del cartone animato, al testamento tecnologico dell’imprenditore americano, passando dalla creazione di “macchine” ormai entrate nella storia della tecnologia come il Lisa, il Macintosh e l’iMac fino ai più recenti iPod, iPhone, iPad. Pezzo forte l’ormai rarissimo Apple-1 (primo computer creato da Jobs e dal socio Steve Wozniak nel 1976), che il presidente di BasicNet Marco Boglione si è aggiudicato da Christie’s per 157mila euro nel novembre 2010.

“Steve Jobs 1955-2011” non è però soltanto un viaggio tra ricordi e memorabilia: diventa anche un vero e proprio percorso interattivo ad alto contenuto tecnologico, con touch screen, archivi elettronici e documenti multimediali sfogliabili virtualmente. Il visitatore può “viaggiare” a bordo del primo furgoncino Volkswagen di Jobs attraverso la Silicon Valley ascoltando una selezione della musica della West Coast degli Anni ’70, “navigare” in modo virtuale nei luoghi chiave della vita dell’inventore californiano tra San Francisco e Cupertino, consultare filmati di approfondimento sul bancone da lavoro, scegliere quale musica ascoltare tra quella che i due Steve mettevano sul giradischi mentre assemblavano i primi Apple-1. Grazie a una serie di micro-proiettori, nella galleria si assiste a filmati di approfondimento interattivi all’interno delle vetrine e sui teli a parete. Un filmato mostra la lettera di dimissioni che nel 1985 Jobs scrisse con il suo Macintosh alla Apple ed il visitatore viene avvolto con l’immagine videoproiettata su uno schermo olografico, avendo così la sensazione di rivivere quel momento tanto delicato quanto determinante nella vita di Jobs.

“Stavamo già lavorando con BasicNet all'idea di una mostra dedicata alla rivoluzione informatica - ricorda Michele Coppola, assessore regionale alla Cultura - quando l'improvvisa scomparsa di Steve Jobs ha spostato l’attenzione sulla sua figura. Abbiamo così deciso di celebrare il creatore della mela più famosa al mondo, che ha cambiato il modo in cui lavoriamo e la qualità del nostro tempo libero, attraverso questa temporanea. Un tributo a un genio, semplice e umile, che ha portato il futuro e la tecnologia nella vita di tutti, ed anche un ideale omaggio al know-how del Piemonte, da sempre laboratorio creativo e ‘terra di visionari’. Tratti distintivi che lo stesso Steve Jobs colse nel suo breve soggiorno nel capoluogo piemontese: ‘Passai due settimane meravigliose a Torino, che è una città industriale piena di vita’.”






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.