Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

01/12/2011
Inizia la costruzione della nuova sede unica della Regione.

E’ partita all’insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede unica della Regione Piemonte a Torino.
Il 30 novembre, contestualmente alla consegna ufficiale del cantiere da parte del presidente della Regione, Roberto Cota, del responsabile regionale del procedimento, Luigi Robino, e del direttore dei lavori, Carlo Savasta, all’associazione temporanea di imprese vincitrice dell’appalto dell’opera (TorreregionePiemonte Soc. Cons. a.r.l.), l’assessore al Patrimonio, Giovanna Quaglia, ha firmato con i sindacati di categoria un accordo quadro che impegna le parti al rispetto rigoroso di tutte le normative vigenti in materia. In particolare, si identificano gli strumenti per garantire la prevenzione degli incidenti, il contrasto al lavoro nero e l’applicazione dei contratti collettivi nazionali. Il tutto accompagnato da un costante confronto e monitoraggio da parte di tutti gli attori interessati sul corretto andamento dei lavori.

Il presidente Cota e l’assessore Quaglia hanno quindi effettuato una visita all’area su cui dovrà sorgere il nuovo edificio, inserito nel progetto di riqualificazione della zona urbanistica a sud della città, delimitata dalla ferrovia, dal Lingotto e dalle vie Nizza e Passo Buole. Qui, nell’arco di una decina d’anni, sorgerà un nuovo e moderno quartiere, in cui si concentreranno uffici, servizi, nuovi complessi residenziali e commerciali, oltre a un nuovo parco di 25mila metri quadrati, alla nuova stazione a ponte del Lingotto e al nuovo tratto di metropolitana Lingotto-Bengasi. Contestualmente, si provvederà alla revisione dell’intera viabilità della zona, per agevolare il transito in questo tratto. Un’occasione, che, oltre a consentire il recupero e la valorizzazione di una vasta zona, costituirà un’opportunità di lavoro e sviluppo per diversi settori dell’economia, dall’edilizia, all’artigianato al terziario avanzato, con particolare attenzione alla ricerca.

La realizzazione di questo imponente progetto è stata resa possibile da un accordo di programma stipulato nel novembre del 2009 da Regione Piemonte, Comune di Torino, Rete Ferroviaria Italiana e Società F.S. Sistemi urbani Srl, risultato ottenuto dopo anni di studi e di confronto su progetti e proposte. A dare il via all’opera di trasformazione urbana sarà proprio la costruzione della nuova sede della Regione, che sorgerà su una parte dei terreni dell’ex Fiat Avio.

“Nell’ottica di una razionalizzazione delle spese - ha puntualizzato Cota - la nuova sede unica regionale rappresenta un’opportunità importante, che permetterà una strutturazione più organica dei nostri uffici e nello stesso tempo un risparmio rispetto ai canoni d’affitto che oggi dobbiamo pagare. Questa nuova grande opera pubblica dovrà essere l’inizio di nuova era, per una pubblica amministrazione moderna e efficiente. Ho anche dato precise istruzioni - ha annunciato il presidente - affinché la nuova sede possa rimanere a disposizione dei cittadini, anche nei week end, per visite che consentano a tutti, anche alle famiglie coi bambini, di godere dell’incredibile vista panoramica che si avrà dai 209 metri della struttura. Questo è anche un modo per far sentire l’ente meno distante ai cittadini".

“L’inizio dei lavori - ha proseguito Quaglia - consentirà l’apertura di un grande cantiere nel cuore di Torino: un intervento di alto livello che potrà diventare modello di riferimento su scala nazionale per i molti aspetti connessi alla sua realizzazione, dalla riqualificazione ambientale, al risparmio energetico, alla creazione di una rete di servizi, alla messa in sicurezza dell’area. Un contesto in cui si inserisce anche la realizzazione della sede unica per gli uffici della Regione, un’opera pubblica rilevante, in grado di risolvere il problema dell’attuale frammentazione in molti sedi distaccate. Una soluzione che consentirà un notevole risparmio e l’iniezione di nuove risorse, grazie al mancato rinnovo delle onerose rate di affitto degli uffici e alla vendita degli immobili di proprietà. Voglio evidenziare in particolare l’impegno che la Regione Piemonte si è assunta in prima persona per dare priorità, nell’aggiudicazione di appalti e subappalti, alle ditte del territorio piemontese, perché quest’opera diventi occasione di rilancio concreto del nostro tessuto economico-produttivo. Senza contare che intorno all’area in questione si concentreranno notevoli possibilità edificatorie, che dovrebbero portare nei prossimi anni ad attrarre importanti investimenti”.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.