Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/05/2011
Con il patto di stabilità regionalizzato tempi chiari per i pagamenti.

Anche nel 2011 la Regione garantirà 65 milioni di euro agli enti locali piemontesi soggetti al Patto di stabilità.
Lo hanno annunciato il presidente e l’assessore al Bilancio e Finanze durante il convegno nazionale “Regionalizzazione del patto di stabilità e federalismo fiscale: esperienze a confronto”, svoltosi il 2 maggio su iniziativa della Direzione Programmazione nel Centro Incontri della Regione a Torino. Al convegno è intervenuto anche il sottosegretario agli Interni.

Il presidente ha garantito l’impegno della Regione anche ad aumentare, se necessario, le risorse ai Comuni per riuscire, per il secondo anno consecutivo, a far rispettare il Patto a tutti i 142 enti locali soggetti. Nel 2010, infatti, grazie ai 65 milioni di euro stanziati dalla Giunta regionale, per la prima volta tutte le amministrazioni coinvolte hanno rispettato i criteri con ricadute immediate sul territorio. Il presidente ha quindi ribadito il concreto impegno per attenuare le maglie del Patto, uno strumento di controllo giusto ma che può apparire come una “camicia di forza” impedendo talora di spendere le risorse. Senza questo intervento consistente, ben 93 enti non sarebbero stati in grado di rispettare il Patto, a meno di non introdurre aumenti alle tariffe o tagli alle spese.

Secondo il metodo della regionalizzazione, a partire dal luglio 2010 la Giunta ha dapprima autorizzato pagamenti per 65 milioni di euro a favore di 120 Comuni, ottenendo una rendicontazione pari al 99,94%, con una netta inversione di tendenza rispetto al 2009, quando la Regione aveva stanziato 80 milioni di euro - sbloccando pagamenti per circa 64 milioni - ma a favore soltanto di 26 Comuni. Oltre alle risorse regionali, grazie all’introduzione di un innovativo meccanismo di compensazioni orizzontali la Regione ha distribuito ulteriori a 4,4 milioni di euro, disponibili grazie a quegli enti che, come previsto dal Patto stesso, hanno accettato di peggiorare il proprio obiettivo, mettendo a disposizione una parte di risorse.

L’assessore al Bilancio ha messo in evidenza come si stia proseguendo lungo il percorso di dialogo e di sempre maggiore collaborazione con gli enti locali piemontesi, lavorando in un’ottica di sistema per trovare le soluzioni più adeguare alle esigenze dei Comuni. E’ infatti importante che essi possano pagare le imprese con una tempistica chiara, soprattutto in un momento di crisi come questo. Il sistema Piemonte nel 2010 ha funzionato, e può funzionare anche nel 2011.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.