Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

11/03/2011
Un piano strategico per valorizzare la Valle Bormida.

Sarà una cabina di regia interistituzionale coordinata da Finpiemonte a predisporre un piano strategico che, a partire dagli strumenti e dalle risorse esistenti, trasformi in progetti concreti le proposte avanzate dalle comunità locali per la riqualificazione ambientale e lo sviluppo economico della Valle Bormida.

E’ il risultato di un incontro che gli assessori regionali all’Ambiente, Roberto Ravello, e agli Enti locali, Elena Maccanti, e il presidente di Finpiemonte, Massimo Feira, hanno avuto il 9 marzo con alcuni rappresentanti dei paesi ricompresi nella Comunità montana Alta Langa e la Provincia di Cuneo, richiesto dagli amministratori locali per fare il punto sulle reali possibilità di recupero e sviluppo dell’intera area da decenni oggetto delle operazioni di bonifica dell’ex stabilimento Acna.

Diversi gli intenti messi sul tavolo: valorizzazione dell’area dal punto di vista economico, incremento demografico dei territori attraverso politiche che mirino all’occupazione e alla stabilizzazione dei giovani, investimenti in attività agro-forestali e rilancio turistico del territorio.

“Saremmo poco responsabili - sostiene l’assessore Ravello - se non precisassimo che, parallelamente agli esiti della partita che riguarda il riconoscimento del danno ambientale e che vede direttamente coinvolti Ministero dell’Ambiente e Syndial SpA (ex Acna), è necessario pensare anche ad un percorso che, a breve termine, miri a riqualificare in modo strategico l’intera area, con l’intento di trasformare proposte ed esigenze delle comunità locali, in un vero e proprio atto di indirizzo. È intenzione di questa Giunta continuare a tenere alta l’attenzione sulla vicenda, come dimostra anche il diretto interessamento del presidente Cota, più volte intervenuto dopo seri ed approfonditi confronti con il ministro Prestigiacomo. Sperando in un tempestivo esito sul fronte dell’indennizzo dal danno ambientale, lavoreremo per trasformare ogni esito delle future concertazioni in beneficio reale per il territorio, abbandonando tutte le iniziative a carattere verticistico ed abbandonando l’abitudine, spesso utilizzata in passato, di trasferire contributi a pioggia privi di una programmazione strutturale concordata e condivisa”.

“E’ stato siglato - osserva l’assessore Maccanti - un importante percorso di collaborazione che, attraverso il sostegno tecnico di Finpiemonte s.pa., consentirà agli enti locali della Valle Bormida di dare vita a progetti concreti di rilancio del territorio. Abbiamo dato un preciso segnale della volontà della Regione Piemonte di collaborare per trovare, attraverso una cabina di regia operativa in tempi brevi, le strade più idonee al rilancio socio-economico di territorio, da anni profondamente segnato dalle conseguenze delle note vicende ambientali”.

“Con l’utilizzo degli strumenti già a disposizione e sull’esperienza di alcuni piani strategici predisposti in questi mesi - puntualizza Massimo Feira - si potrà lavorare per dare risposte concrete. Questo tipo di percorso evita la frammentazione degli interventi, e offre l’opportunità di coinvolgere l’Unione Europea così come alcuni Ministeri, in particolare quello allo Sviluppo economico, per reperire risorse immediate. Finpiemonte S.p.a coordinerà dunque un nucleo tecnico in grado di valutare esigenze, priorità e possibili soluzioni”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.