Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

15/02/2011
Alessandria, unità d'Italia e mostre in Alessandria.

Ci sono tanti modi di fare cultura e di farne una leva importante per il sistema economico di una città. Alessandria ci sta provando, investendo sulle proprie ricchezze e sulla 'scoperta' funzionale di promuoversi attraverso proposte di qualità e interesse, senza necessariamente essere 'patinate'. A cominciare dalle mostre. Non sempre l'iniziativa sensazionale e altisonante, il grande nome 'venduto' nella cornice di qualche sede espositiva pubblica è garanzia di successo e ritorno di immagine. "E' piuttosto più vincente, soprattutto considerata la pesante crisi dalla quale non siamo ancora usciti - sottolinea Gianfranco Cuttica di Revigliasco, presidente del consiglio comunale - 'scavare' in casa, nel fertile terreno del nostro patrimonio per reperire fatti, elementi, situazioni di pregio, di per sé sufficienti a porre Alessandria al centro della ribalta, proprio per effetto della singolarità delle proposte, fatte in nome di un'efficace coerenza".

Così come sta accadendo per i 'Tesori di carta' esposti fino al 6 marzo nella biblioteca civica 'Francesca Calvo', dopo 21 mesi di lavoro per la catalogazione di oltre 18mila volumi collocati nelle Sale storiche. Libri per ragazzi, rare edizioni ottocentesche, antiche, con legature o ex libris particolari, frontespizi, tavole illustrate, raccolti ed esposti per temi per recuperare la memoria anche grazie alla fisicità dei testi e alla storia che, di per sé, parla e racconta. "Una storia di carta, sopravvissuta al tempo, per continuare a diffondere intatti i suoi diversi messaggi e le differenti lezioni. Un percorso coerente nel riflettere la storia della sensibilità della comunità attraverso i 'gusti' librari; coerente nella scelta degli spazi e dei temi". La sezione dedicata all'Unità d'Italia, interpretata con la penna di chi ha vissuto il movimento di indipendenza e unificazione nazionale, conduce poi inevitabilmente a un'altra mostra, sul 'Viaggio in Italia di Giovanni Migliara', nelle Sale d'arte della città. "Un'iniziativa encomiabile - sottolinea Cuttica - che tenta di comporre in una sintesi intelligente due istanze particolarmente 'sentite': da una parte l'ennesimo e quanto mai necessario accento sull'importante fondo del pittore alessandrino, uno dei cardini delle nostre collezioni civiche, e dall'altra le celebrazioni per l'Unità d'Italia. Al di là di qualsivoglia elemento di sciocca e inutile retorica, la storia del pensiero, la sensibilità del tempo verso un territorio dai toni variegati, in allora da ancora da costruire come nazione, se non del tutto ancora da pensare come tale, viene palesata servendosi della 'rilettura' dei variopinti e suggestivi paesaggi urbani italici, vissuti attraverso l'interpretazione sostanzialmente 'romantica' del vedutista alessandrino a seguito dei suoi viaggi tra il 1325 e il 1835".

Unità d'Italia e arte che con la stessa forza espressiva rivivono, sempre per il tramite della bellezza dei paesaggi, nell'opera di un'altra firma locale, Pietro Sassi, "paesaggista anche lui che proprio nel Palazzo comunale - ricorda il presidente del consiglio - ha lasciato una straordinaria testimonianza di quella sensibilità nella decorazione dell'ufficio del Sindaco e, soprattutto, sulla volta dei locali annessi dell'attuale segreteria. Qui l'intento è suggellato dalla composizione continua, sotto un unico cielo 'unitario', delle suggestive vedute di Alessandria, Torino, Napoli, Genova che ci rimandano, in qualche modo, al sentire di Migliara, anche se in un'epoca in cui il percorso unitario, storicamente inteso - siamo intorno alla seconda metà degli anni 80 dell'Ottocento - si era già sostanzialmente concluso. Sarebbe davvero un atto di coerenza, nel 150esimo dell'Unità d'Italia, finanze permettendo, avviare una fase di restauro di questi dipinti, ultimando il percorso di recupero iniziato anni addietro con le decorazioni nella sala del sindaco, e rendendole fruibili per un certo periodo al pubblico. Mi sembrerebbe meno coerente e forse un poco irrispettoso, proprio in occasione di una ricorrenza così 'sentita' e 'irrinunciabile', ignorare il degrado delle espressioni figurative di coloro che, con tutta probabilità in allora maturarono un sentimento genuino e veritiero nei confronti del nostro Paese".
Dai libri alla pittura, dunque, per raccontarci e conoscerci un po' meglio, incuriosendo anche chi alessandrino non è ma italiano sì. Soprattutto in un anno speciale come il 2011, in cui la cultura, se fatta di proposte intelligenti, allettanti, può e deve farla da padrona.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.