Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

14/01/2011
Riforma della sanità: razionalizzazioni, non tagli.

E’ stato il presidente Roberto Cota ad aprire, il 12 gennaio a palazzo Lascaris, la seduta straordinaria del Consiglio regionale dedicata alla riforma sanitaria: "Con la minoranza auspico un dialogo costruttivo, ma se vuole fare un’opposizione sterile faccia pure, noi andremo avanti con la battaglia contro i baronati. Ci sono primariati che hanno meno di dieci posti letto. E’ chiaro che non servono a curare la gente, ma solo per dare un posto al primario. A noi interessa invece razionalizzare le risorse e curare la gente”.

Nel suo intervento, Cota ha ricordato che “negli ultimi 15 anni la spesa sanitaria in Piemonte è triplicata, mentre nelle altre Regioni é solo raddoppiata. Oggi ha raggiunto l’82% dell’intero bilancio della Regione. Se non si interviene oggi razionalizzando e tagliando gli sprechi, domani non saremo in grado di garantire i servizi. Questi non sono tagli, sono razionalizzazioni”. Difendendo gli accorpamenti previsti, il presidente ha sottolineato che “le Asl non vengono chiuse. E la riforma prevede un meccanismo nuovo di messa in rete degli ospedali. Quelli piccoli non vengono chiusi, ma inseriti in una rete dove si individua chiaramente chi fa che cosa. Il piccolo ospedale non potrà fare un intervento complesso. perché una sanità sicura richiede che certi tipi di interventi avvengano in strutture e sotto primari che esaminano un certo numero di casi all’anno. Se un medico vede tre patologie oncologiche all’anno, il suo standard non è sicuro. Ci saranno quindi - ha ricordato Cota - sei grandi reti ospedaliere, più una Asl per ogni provincia tranne Torino, che ne avrà quattro. Tutto questo servirà per due obiettivi: tagliare gli sprechi facendo in modo che la spesa sanitaria non vada fuori controllo e migliorare l’efficienza dei servizi”.

L’assessore alla Sanità, Caterina Ferrero, ha quindi evidenziato che “la riforma e il piano di rientro sono un percorso indispensabile per bloccare l’emorragia dei conti della sanità e per garantire ai piemontesi la salvaguardia dei livelli qualitativi dei servizi. Oggi si è cominciato a discutere della nostra proposta di riordino del sistema sanitario, seguendo un metodo di lavoro improntato al confronto ed alla condivisione e smentendo chi si ostina ad affermare che questa Giunta cali dall’alto le proprie decisioni”.

“Nessuno ha mai detto che quella piemontese sia una cattiva sanità, non è questo il motivo per cui questa amministrazione ha avviato il percorso di riforma del sistema sanitario - ha continuato Ferrero - L’assetto di oggi è frutto del lavoro di molte persone dalle grandi capacità e certamente se ci sono considerazioni da fare, è bene farle sulla gestione politica, non sui professionisti del settore. Le decisioni prese in passato non hanno prodotto risultati sufficienti a creare un sistema che possa reggere senza la necessita di intervenire per coprire un disavanzo. Tutti gli anni abbiamo infatti 300 -400 milioni di euro di deficit che portano ad una situazione che qualsiasi Giunta in carica sarebbe chiamata ad affrontare. La revisione del modello organizzativo ha come obiettivo quello di migliorare il servizio con un sistema meglio organizzato, che permetta anche dei risparmi. Siamo dunque aperti al confronto”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.