Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

15/05/2010
Piemontese, la Regione presenterà una nuova legge sulla lingua.

La Regione non intende fermarsi di fronte alla bocciatura della Corte Costituzionale e ripresenterà una legge per la tutela della lingua piemontese.
“Non possiamo fare altro - dichiara il presidente Roberto Cota - che ripresentare una proposta di legge, che tenga conto dei rilievi della Consulta ma che vada fortemente a tutelare il piemontese, che noi consideriamo a tutti gli effetti una lingua”.

Secondo la Corte, la legge n.11/2009, approvata dal Consiglio regionale in aprile e impugnata dal Governo a giugno, “eccede la competenza regionale” attribuendo alla “lingua piemontese” un valore “non solo culturale”. La Regione invece sostiene che lo stesso Statuto riconosce alla Regione “il potere di tutelare e promuovere l’originale patrimonio linguistico della comunità piemontese, nonché quello delle minoranze occitana, franco-provenzale e walser”. E nella normativa l’espressione “lingua piemontese” andrebbe intesa come “qualsiasi altro bene artistico e culturale e come patrimonio linguistico da tutelare e valorizzare”. Per i giudici però la tutela dell'identità culturale non consente al legislatore regionale “un potere autonomo” per identificare “una propria lingua oltre a quelle riconosciute dal legislatore statale”.

L’assessore alla Cultura, Michele Coppola, mentre era in visita allo stand del Consiglio regionale al Salone del Libro ha sostenuto che il piemontese è a tutti gli effetti una lingua, parlata da almeno due milioni di persone e che annovera vocabolari, grammatiche e un’ampia letteratura. “Sono stupito - ha commentato - perché in realtà in questi anni come Regione abbiamo riconosciuto e tutelato la lingua piemontese, e anche lo Statuto regionale ribadisce questa volontà. C’é una legge regionale del Veneto che riconosce e tutela la lingua veneta. Faccio quindi fatica a comprendere le motivazioni per cui quella piemontese non debba essere altrettanto tutelata”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.