Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

23/01/2010
Un marchio di qualità per bar e ristoranti piemontesi.

Per certificare l’alta qualità di servizio all’utenza nella somministrazione di alimenti e bevande i ristoranti ed i bar piemontesi potranno richiedere il marchio regionale rappresentato da uno stemma che raffigura una stella con la dicitura “Sommi - i migliori esercizi” e il logo della Regione.

I potenziali destinatari sono il bar caffetteria, gastronomico, pasticceria o gelateria, il locale serale, il ristorante classico, tipico o etnico, la pizzeria. Rientrano inoltre gli esercizi che esplicano la funzione sociale in favore dei cittadini affetti da celiachia, che potranno acquisire il marchio regionale affiancandolo a quello dell’Associazione Italiana Celiachia Piemonte Valle d’Aosta Onlus-AIC.

“Con l’istituzione del marchio - ha sottolineato l’assessore al Commercio, Luigi Sergio Ricca, durante la presentazione avvenuta il 22 gennaio - si intende promuovere ed incentivare le attività di somministrazione che presentano elevati livelli qualitativi in relazione alle caratteristiche dei locali, alla tipologia dei prodotti e del servizio reso ed in riferimento alla qualificazione e valorizzazione della professionalità degli operatori e degli addetti. Oltre a dare visibilità agli esercizi di qualità - ha proseguito Ricca - il marchio diventa la garanzia per il consumatore ed anche un contributo per la promozione del settore, in stretto collegamento con altri comparti dell’economia quali il turismo, il commercio più in generale e l’agricoltura. Nel settore del turismo si è innestato infatti un processo culturale che guarda molto ai consumi di qualità e alla sicurezza alimentare. Quindi il marchio diventa un valore aggiunto e un contributo alla promozione di iniziative incentrate sulla valorizzazione di circuiti legati al sistema di qualità del territorio”.

Per ottenere la certificazione occorre rispondere a precisi criteri di ammissibilità, che sono stati definiti dalle commissioni tecniche con nove disciplinari settoriali che regolamentano sicurezza alimentare, tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti alimentari utilizzati, tipicità dei prodotti locali, basso carico ambientale, gestione delle strutture, riduzione dei rischi alimentari, trattamento dei rifiuti e rispetto dell’ambiente, trasparenza, accoglienza, informazione e connotazione di tipo territoriale, informazione sull’alimento, pubblicizzazione, tutela della tradizione e delle caratteristiche degli esercizi. La certificazione avrà una validità biennale e pertanto potrà essere rinnovata solo previo controllo del mantenimento dei requisiti e con la partecipazione dell’esercente ai corsi di formazione professionale avanzata e continua nel comparto di attività della somministrazione alimentare.

I risultati fin qui ottenuti sono stati raggiunti con la sinergia tra la Direzione regionale del Commercio, le associazioni di categoria (Epat/Confcommercio, Fiepet/Confesercenti) e l’apporto scientifico del Dipartimento di Scienze merceologiche dell’Università di Torino.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.