Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

27/11/2009
Alessandria, il sindaco risponde ai commercianti del centro.

Con una lunga nota il sindaco, Piercarlo Fabbio, ha risposto alla petizione, sottoscritta da 195 esercenti alessandrini, presentata il 5 novembre scorso, per lamentare una situazione di disagio relativa alle attività commerciali del centro città.
Questi i problemi evidenziati cui il sindaco ha replicato:

Eliminazione della sosta a tariffazione nella pausa pranzo.
Alla richiesta di ripristinare la sosta gratuita nella pausa pranzo, il Sindaco risponde che la revoca della ZTL è stata disposta, ad inizio mandato, per "incoraggiare un uso più sociale del centro, inteso anche come bene di un certo pregio da mettere a disposizione di tutti. L'azione sulla ZTL aveva tre scopi: migliorare la raggiungibilità con l'auto di molte zone del centro, distribuire su una superficie più vasta la produzione di inquinanti che comunque le automobili conducono (operazione che ci ha consentito in un solo anno di rientrare nei parametri medi europei, nonostante la nostra allocazione in Pianura Padana), scoraggiare, attraverso la tariffazione, la permanenza nel centro dei veicoli a combustione (elettrici e ibridi non pagano alcunché), ritenendola inutile alle attività economiche. Insomma più rotazione e meno permanenza incoerente". Continua affermando che molti cittadini chiedevano di preservare il centro dalle auto e "quindi tenere in conto anche questo ragionamento ci ha portati a pensare che scoraggiare la permanenza, attraverso la tariffazione, fosse un'operazione da portare a termine occupando la cosiddetta pausa pranzo.
Reali problemi alla stragrande maggioranza delle attività commerciali non avremmo apportato, vista la chiusura delle stesse nell'arco orario preso in considerazione. Eppure mi sono peritato di offrire - a chi poteva anche essere solo concettualmente danneggiato - blocchetti di voucher a metà prezzo, per poter concedere ai clienti l'opportunità di parking a bassissimo costo. Non mi pare che questa opportunità sia stata sfruttata fino in fondo dagli interessati, stante le informazioni che ATM mi trasmette.
Peraltro l'incentivare la sosta di medio termine avrebbe sfavorito chi, come bar e ristoranti, hanno necessità di essere raggiunti, ma di vedere una rotazione continua possibile nella pausa pranzo. Questo ragionamento fa il paio con coloro che chiedono, per il periodo natalizio, la sosta gratuita in piazza della Libertà. Così facendo più della metà dei posti viene occupata da residenti o dipendenti di pubbliche attività e si finisce per limitare l'accesso degli acquirenti potenziali, piuttosto che favorirlo".

Ripristino delle ampie aree di parcheggio gratuito recentemente sottoposte a tariffazione.
Portando ad esempio il caso di Piazza Madre Teresa di Calcutta, il Sindaco motiva la scelta di ampliare l'area a tariffazione della sosta come legittima risposta ad una richiesta dei residenti che, con la creazione di una corsia privilegiata per gli autobus, nel tratto di Spalto Borgoglio compreso tra l'Hotel Londra e il Liceo Scientifico, non disponevano di parcheggi sotto casa, né a pagamento, né gratuiti. "Allora, - scrive il sindaco - mi pareva giusto consentire loro di parcheggiare in piazza Madre Teresa di Calcutta sfruttando la possibilità di utilizzare il voucher a 25 euro l'anno riservato ai residenti che si affacciano sulle zone blu. Ma ciò, aumentando la platea di coloro che si sarebbero rivolti al parcheggio, rischiava di ridurre non poco gli stalli a pagamento, che garantiscono, a differenza di quelli gratuiti, una maggiore rotazione e quindi sono più strategici per il commercio e gli uffici del vicino centro città. Ecco dunque la scelta di ridurre di una cinquantina circa gli stalli gratuiti e virarli a pagamento. Del resto oggi la piazza appare servita al 50% di posti a pagamento (207) e per l'altra metà di stalli liberi da oneri (199). Le famiglie che abitano in quei caseggiati sono ben oltre la cinquantina; i posti aumentati sono sufficienti ad accoglierli".
I commercianti non risultano penalizzati da questa scelta dal momento che l'Amministrazione comunale ha riservato per loro, da circa un anno, la possibilità di fruire di un abbonamento mensile a 30 euro.

Mancato avvio dei lavori di realizzazione dei parcheggi sotterranei nelle due piazze centrali
La realizzazione dei parcheggi ha subito dei rallentamenti per problemi di natura amministrativa.
Per quel che concerne Piazza Garibaldi, l'esito della procedura di gara ha assegnato la vittoria ad un'associazione temporanea d'impresa fra APCOA (gestione parcheggi), Ruscalla (costruttore) e una finanziaria che, di fatto avrebbero, fin dalla primavera 2008, potuto cantierare i lavori.
"Purtroppo il secondo classificato ha pensato bene di ricorrere al TAR,- spiega il Sindaco - ipotizzando che fossero stati cambiati i criteri in corso d'opera (non è stato così). Il TAR non ha concesso la sospensiva, ma, al successivo passaggio al Consiglio di Stato la sospensiva è stata concessa al ricorrente. Si è dunque ritornati al TAR per la discussione di merito e lì abbiamo avuto nuovamente sancita la nostra ragione. I ricorrenti, allora, hanno nuovamente fatto istanza al Consiglio di Stato che ha dichiarato la sospensiva della delibera e si è riservato di entrare nel merito. Pensavamo di poter svolgere l'udienza a giugno, ma è stata rinviata. Siamo in attesa di notizie dal nostro avvocato per conoscere la data del dibattimento, anche se riteniamo possa essere ormai rimandata al gennaio 2010. Peraltro la questione è di lana caprina: riguarda il criterio della "tariffa oraria". La commissione esaminatrice aveva deciso, vista l'incomparabilità delle offerte in termini di costo orario, di fare la somma delle tariffe diversificate dell'intera giornata, ottenendo un risultato. Quello più favorevole all'utenza aveva ottenuto il miglior punteggio. L'opera costerà 13,5 milioni di euro e un milione si spenderà per la sistemazione della superficie della piazza".
Piazza della Libertà, invece, subirà un percorso diverso. Dopo la presentazione del progetto di massima di risistemazione, la Giunta ha deliberato, circa 15 giorni fa, il progetto preliminare che, oltre ad altre novità, prevede anche il parcheggio sotterraneo.

Viabilità penalizzante
I commercianti lamentano che la chiusura della rotonda di Spalto Borgoglio, con il conseguente incentivo ad utilizzare la tangenziale, spinga l'utenza ad allontanarsi dall'area commerciale del centro e gravitare intorno ai centri commerciali periferici.
"Abbiamo chiuso una direzione della rotonda del Liceo Scientifico per tentare di pre-incolonnare il traffico prima del Tiziano e spostarlo sulla tangenziale - spiega il Sindaco -. Le rilevazioni effettuate in ore diverse della giornata individuano la punta massima dei veicoli in ingresso tra 1300 e 1550 all'ora. Di questi, tra 400 e 700 ritornano indietro alla rotonda Cavallotti per raggiungere la zona Nord della città. Tra 600 e 1200 proseguono verso la stazione (il dato 1200 è riferito al ritorno serale in città). Solo 250 auto/ora utilizza la tangenziale non accedendo al ponte Tiziano. Ciò significa che ben meno di quel 95% che girava a sinistra al Cittadella ora sceglie la tangenziale, nonostante tale direzione favorirebbe non poco la decongestione del traffico (peraltro solo nelle ore di punta) tra le due rotonde citate. Praticamente verso la tangenziale si dirige il 14,20% circa del traffico. Cade quindi l'accusa - ma forse più una battuta di discutibile gusto - che si voglia indirizzare il traffico verso supermercati a corona della tangenziale."
Per quanto riguarda la zona piscina, la Giunta ha approvato la costruzione di una rotonda di fronte al Palazzetto, che eviterà difficoltosi percorsi ai residenti ed un più rapido accesso al centro.

Pulizia insufficiente nelle vie del centro
"Abbiamo aumentato di un giorno alla settimana il ritiro di carta e cartone (prima erano solo 2 giorni); i rifiuti non vengono più ritirati al venerdì sera, ma al sabato mattina, per evitare che coloro che utilizzano nel fine settimana le vie del centro possano trovarsi a contatto, anche solo visivo, con tali materiali - spiega il sindaco -, mentre si svolgono le manifestazioni e dopo il loro svolgimento una squadra "speciale" dell'azienda di igiene urbana è all'opera in rafforzamento delle normali maestranze anche con mezzi particolari (si arriva fino alla disinfezione di alcune aree); gli spazzini all'interno del centro sono 8, ma stiamo lavorando per portarli a 12; fra pochi giorni proveremo un soffiatore a getto di bassa potenza per liberare le vie a porfido dalle cicche delle sigarette; l'Amiu ha acquisito - sarà operativa ad inizio dicembre - una nuova macchina combinata spazzante, lavante ed aspiratrice per la pulizia di piazzetta della Lega e corso Roma, che hanno necessità probabilmente di almeno tre passaggi la settimana".

Aperture domenicali e straordinarie
In merito alla richiesta che il calendario delle aperture domenicali non venga dilatato il sindaco risponde che, in questo ambito, "un'amministrazione pubblica sconta un forte contrasto, che occorrerà risolvere insieme: da una parte i consumatori che vorrebbero orari il più possibile liberi ed estesi; dall'altra gli operatori commerciali che tendono a restringere in confini certi i loro orari (pausa pranzo, esclusione della domenica, ecc.). La mediazione non posso ottenerla solo io salomonicamente definendo la questione. Sarà un percorso d'avvicinamento, che probabilmente ha necessità di una regia unitaria che abbiamo individuato nel Town Center Management".
I commercianti chiedono di proseguire con la concertazione ponendo sempre maggiore attenzione alla programmazione di eventi per non aumentare le aperture straordinarie.
Il Sindaco risponde che "nessuno aveva neppure lontanamente pensato di sospenderla", ma aggiunge che "occorre considerare anche l'aspetto relativo alla programmazione" perché "questa è una leva che non sempre possiamo utilizzare: alcuni eventi, infatti, sono legati a calendari nazionali ed internazionali (il concorso ippico piuttosto che il torneo ATP di tennis), altri a tradizioni (la San Giorgio oppure la Madonnina dei Centauri o, ancora, l'internazionale canina, per non parlare del Concorso di Chitarra Classica Michele Pittaluga), altri sono legati al calendario religioso (San Baudolino), altri alla nostra storia (il compleanno della città) altri possono fluttuare ed essere collocabili relativamente a piacere (Gagliaudo fra i Mercanti o Alè Chocolate). Insomma, una gamma di proposte a cui si possono aggiungere quelle più eminentemente culturali (la biennale di videoartefotografia, mostre importanti come Le Corbusier, il Futurismo, Il cappello nel mondo o altro ancora). Aggiustamenti di date, allora, possono essere possibili, almeno per una parte degli eventi citati". E' importante considerare inoltre che "è, comunque, la ricchezza della gamma proposta che attira attenzioni verso la nostra città e verso gli esercizi commerciali"

La nota si conclude con l'accenno alle iniziative messe in campo per il prossimo Natale:"Nel 2009 scontiamo le difficoltà economiche che hanno colpito gli Enti Locali per effetto della crisi e per il rispetto di un Patto di Stabilità molto severo, ma cercheremo di sopperire con l'iniziativa individuale, la fantasia e la creatività. Io spero siano veramente buone feste per ognuno e che si riescano a porre in essere alcune nuove proposte di servizi alla vendita, che potrebbero far scegliere ai consumatori la nostra città, piuttosto che qualche altra".





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.