Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

20/11/2009
Due dita ed un dente di Galileo Galilei ritrovati da un collezionista.

Due dita ed un dente di Galileo Galilei, lo studioso padre della scienza moderna, sono stati ritrovati da un collezionista d'arte. L'eccezionale scoperta è stata annunciata oggi dalla soprintendenza e dal museo di Storia della Scienza di Firenze, luogo in cui saranno esposti nella primavera del 2010, quando l'istituzione prenderà il nome di Museo Galilei.

La Soprintendente al Polo Museale Fiorentino Cristina Acidini e il direttore del museo Paolo Galluzzi hanno confermato in una nota che "sulla base dell'ampia documentazione storica pervenutaci, non sussistono dubbi sull'autenticità del reperto".

Nato a Siena nel 1564, Galilei - che come docente ha lavorato nelle università di Padova e della sua città - ha legato il suo nome a importantissimi contributi scientifici come quello alla rivoluzione astronomica e al perfezionamento del telscopio.

Le due dita, il pollice e il medio della mano destra, erano contenute, insieme ad un dente dello scienziato, in un'ampolla settecentesca in vetro soffiato, parte di una teca in legno dell'Ottocento, sormontata da un busto ligneo di Galilei.

Il lotto era stato recentemente battuto ad un'asta come un pezzo di cui non si conosceva esattamente l'origine. E' stato il collezionista d'arte che ha comprato l'opera ad accorgersi dell'importante contenuto dell'ampolla e ad avvertire le autorità competenti.

Non a caso infatti, l'uomo - che ha chiesto di restare anonimo nonostante si tratti di un collezionista piuttosto conosciuto - aveva intuito che quella teca potesse racchiudere un mistero importante e aveva fatto in modo di entrarne in possesso.

Fonte: Reuters




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.