Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

20/11/2009
Regione e Aipo contro il dissesto idrogeologico.

Un piano straordinario di gestione dei sedimenti nei corsi d’acqua e un programma di interventi pluriennale per combattere il dissesto idrogeologico è stato illustrtato il 19 novembre a Torino dall’assessore regionale alla Difesa del Suolo, Daniele Borioli, e dal direttore dell’Agenzia interregionale per il fiume Po, Luigi Fortunato, incontrando gli enti locali coinvolti.

Il sedimento è un materiale solido che si accumula nell’alveo del fiume, modificandone la superficie e dando luogo a situazioni di potenziale pericolo per il territorio circostante. La necessità di “tenere pulito” l’alveo viene da più parti segnalata come primaria. Partendo da ciò la Regione ha elaborato, per la prima volta sul bacino del Po, un programma di gestione dei sedimenti alluvionali dell’alveo che prevede 11 interventi lungo il percorso del fiume tra la confluenza con lo Stura di Lanzo e il Tanaro. Due quelli inseriti del primo programma operativo e pronti a partire: uno alla confluenza del Po con la Dora Baltea e uno alla confluenza con il Sesia. Per entrambi gli interventi è prevista la realizzazione di rami laterali di deflusso e aree di rinaturazione. Il programma operativo regionale sarà sottoposto e parere del comitato tecnico dell’Autorità di bacino e gli interventi saranno totalmente a costo zero.

“Quello che intendiamo fare per la prima volta in Piemonte - ha precisato Borioli - è avviare su questi interventi un metodo analogo a una concessione a beneficio di chi svolge i lavori. Ovvero, consentire alle imprese private di acquisire la proprietà della ghiaia che viene estratta dal letto dei fiumi, preziosa per le costruzioni. In questo modo riusciamo a mettere in sicurezza i nostri corsi d’acqua, senza costi aggiuntivi per le tasche dei contribuenti e con notevole vantaggio per le aziende che vi lavorano”.

Durante l’incontro è stato presentato anche il Piano Aipo: 115 milioni in tre anni per una serie di opere di ripristino, messa in sicurezza e manutenzione di argini e alvei. Previsti nel 2010 interventi per oltre 60 milioni, che riguardano in particolare interventi già avviati sulle aree a rischio idrogeologico molto elevato con priorità per le azioni e gli interventi considerati cantierabili nel corso dell’anno, quelli ricompresi nelle ordinanze di Protezione civile dell’alluvione del maggio 2008 e quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria degli argini esistenti e completamento di tratti necessari a difesa di centri abitati e infrastrutture.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.