Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

21/09/2009
Valenza, proposte di sviluppo turistico.

Valenza è ormai da circa dieci anni iscritta nell’elenco dei Comuni turistici della Provincia in quanto le sono state riconosciute quelle peculiarità che possono essere di attrazione e di interesse per i visitatori. Proprio in questo momento, in cui la nostra città sta attraversando un periodo economico difficile, è necessario adoperare tutti gli sforzi a nostra disposizione per permettere a Valenza di superarlo e al contempo di svilupparsi e crescere in tutti i suoi aspetti.

Analizzando il territorio e le sue caratteristiche, risulta che le potenzialità di quest’area possono essere ancora sfruttate ed offrono margini di miglioramento e di progettualità per coloro che credono e vogliono dare impulso ad investimenti nel settore del turismo e dello sviluppo economico e sociale. Per esempio, facendo riferimento al Piano strategico regionale per il turismo si sono rilevati due prodotti, a partire dai quali è possibile costruire iniziative di attrattività turistica per uno sviluppo del settore.
I due prodotti sono l’artigianato tradizionale e l’ambiente naturale. Al contempo, tra le diverse categorie di turismo ne abbiamo individuate alcune che caratterizzano la domanda nel nostro territorio.  un turismo di prossimità, con provenienza dalle grandi città del Nord Ovest, composto soprattutto da famiglie appartenenti ad un ceto abbiente e sostanzialmente “curiosi” di conoscere aspetti del territorio italiano poco frequentati.  un turismo congressuale e d’affari, in occasione di fiere, rassegne, meeting o comunque indirizzato ad un soggiorno pensato per business, per il quale sarebbe interessante creare occasioni per modificare questa loro permanenza, facendoli quindi rientrare nella categoria precedentemente descritta. Una terza categoria, che possiamo definire “di massa”, sulla quale occorre maggiormente puntare.

L'obiettivo di questo progetto è quello infatti di inserirsi nel grande anello dei tour operators, facendo confluire sulla nostra città comitive che avranno piacere di conoscere, oltre ai monumenti storici, altre peculiarità del nostro territorio quali agriturismi, ville e parchi (Villa Groppella, Villa Rosa, ecc.). Per questa categoria di visitatori sarebbe quindi pensabile argomentare l’offerta per aree tematiche (artigianato e ambiente) cercando di strutturare i soggiorni brevi e creare, oltre alla fruizione delle attrattività locali, anche occasioni d’acquisto. Per concretizzare tali proposte occorre soddisfare alcuni bisogni che si possono così riassumere:
• Organizzazione di eventi attrattivi, anche recuperando esperienze già esistenti e creare un “momento culturale forte” per attirare visitatori interessati che fruiscano anche delle specificità del territorio;
• Inserimento della città di Valenza all'interno di un pacchetto di offerta turistica da proporre ai tour operator comprendente una visita ai luoghi storico-artistici della città (chiese, palazzi, teatro sociale), ad un laboratorio orafo, valorizzando contemporaneamente le attrattive della città e la tipicità artigianale orafa.;
• Interessamento degli istituti scolastici della provincia di Alessandria e di quelle limitrofe per organizzare gite degli alunni in città con visite ai luoghi storico-artistici e alle attrattive ambientali (Parco Fluviale del Po, Terme di Monte, agriturismi, ville limitrofe al centro urbano);
• Coinvolgimento degli operatori privati locali (associazioni commercianti, categorie orafe, istituti e fondazione bancarie, Camera di Commercio, Pro Loco ) nella creazione e attuazione delle proposte;
• Maggiore sostegno della Regione Piemonte e della Provincia di Alessandria negli assessorati competenti al Turismo ed alle Attività Produttive; Vogliamo comunque sottolineare come l'intento primario di queste iniziative è quello di creare il massimo coinvolgimento degli operatori economici e commerciali valenzani e con loro collaborare attivamente e concretamente per fare di Valenza una città quanto più accogliente per coloro che la visiteranno, rendendola contemporaneamente vivibile anche per tutti i cittadini, per chi abita e chi lavora.

Il progetto VIVIVALENZA La prossima settimana Valenza accoglierà la mostra internazionale di oreficeria e gioielleria. E’ il momento più opportuno per intraprendere le prime iniziative volte a concretizzare alcuni degli aspetti rilevati.
L’amministrazione comunale intende così, in collaborazione con tutti i commercianti, gli operatori scolastici, gli artigiani orafi, provvedere alla realizzazione di un prima iniziativa che possa coinvolgere tutta la comunità.

Questo particolare progetto sarà denominato “VIVIVALENZA” proprio per dare risalto alla volontà di rinascita e di crescita della città.
Parte attiva sarà costituita dalla disponibilità di specifiche botteghe orafe nelle quali sarà possibile visionare di persona l’affascinante percorso produttivo in tutte le sue fasi ed ammirare da vicino la maestria e la creatività dell’artigianato di eccellenza della nostra città In questo modo i visitatori troveranno un’occasione per accostarsi direttamente a questa particolare attività e portare con sè un ricordo diretto di Valenza e della sua produzione nota in tutto il mondo. VIVIVALENZA si occuperà anche di promuovere la valorizzazione e la conoscenza di alcune aree verdi della nostra città quali: Le Terme di Monte Valenza con il suo parco ed il piccolo zoo, Parco Musolino all’interno del Parco del Po e, successivamente, il recupero del Vallone che dalla città conduce al fiume.

In questo spazio sarebbe auspicabile pensare a zone riservate al passeggio ed al ristoro. VIVIVALENZA sarà anche periodicamente un momento di scoperta guidata dei luoghi storico/ artistici presenti nel nostro centro storico ricco di edifici del Settecento ed Ottocento.
Come primo atto di VIVIVALENZA si inserisce quindi l’evento “La città Sì…. Mostra. “che prevede per la giornata di Sabato 3 ottobre una parte riservata agli operatori del settore orafo con un concerto a Teatro ed un rinfresco a loro riservato, ed una parte “aperta”, nella quale i cittadini di Valenza parteciperanno e VIVRANNO la città dal primo pomeriggio a fine serata.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.