Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

10/07/2009
Le agevolazioni pubbliche alle imprese artigiane, superati i 220 milioni.

Le agevolazioni complessivamente ottenute dalle imprese artigiane piemontesi nel triennio 2005-2007 hanno superato i 220 milioni di euro, 168 provenienti da provvedimenti specifici per l’artigianato (i ¾ del totale) e i restanti 52 da misure di aiuto “generiche” alle piccole e medie imprese. Ad averne avuto accesso sono state quasi 14.300 aziende, di cui 12.500 (l’87,4%) hanno usufruito di soli interventi “specifici”, 1.300 (il 9,3%) di soli interventi “generici” e 480 (il 3,3%) di entrambi. Per quanto riguarda la dimensione d’impresa, si varia dal 3,5% delle ditte individuali (con un solo addetto) fino al 45% delle imprese con più di 10 addetti.

Il rendiconto dei finanziamenti e le relative ricadute occupazionali sono l’argomento di una ricerca commissionata dal Sistema informativo dell’Artigianato della Regione nell’ottica di valutare i benefici derivanti dall’investimento di risorse pubbliche nel settore. L’analisi, presentata il 9 luglio a Torino, fa riferimento a tutti i provvedimenti di agevolazione per il periodo in esame, dagli incentivi rivolti specificatamente al comparto ai provvedimenti di fonte nazionale, regionale e con co-finanziamento dei fondi strutturali europei a cui gli artigiani hanno potuto accedere con i generici requisiti di piccola impresa.

Facendo riferimento all’impatto occupazionale delle agevolazioni, stimato in base ai dati di fonte Inps integrati dalle informazioni dell’Albo imprese artigiane, il vicepresidente della Regione con delega all’Artigianato, Paolo Peveraro, ha commentato che “separando gli effetti netti delle agevolazioni dalle variazioni occupazionali dovute alla congiuntura economica, sono emersi risultati molto importanti che evidenziano come le agevolazioni ricevute abbiano operato da volano per attivare nuovi investimenti, addizionali rispetto a ciò che si sarebbe verificato in assenza di sussidi. Investimenti che a loro volta hanno determinato un positivo incremento medio dell’occupazione di ogni singola impresa”. I dati, infatti, confermano che l’incremento medio occupazionale di ogni singola azienda beneficiata è pari ad un occupato per quelle che hanno ottenuto un finanziamento agevolato ed a 1,6 occupati per quelle che hanno avuto agevolazioni multiple di diverso tipo.

“In un momento congiunturale di particolare negatività come l’attuale, questo tipo di risultati - ha osservato Peveraro - è utile per comprendere quali provvedimenti di agevolazione e quale tipologia di imprese sussidiate possano offrire un significativo ritorno occupazionale sul territorio. Non a caso l’obiettivo della ricerca è proprio quello di fornire uno strumento di supporto per le future scelte dell’amministrazione regionale sui provvedimenti a sostegno delle imprese artigiane”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.