Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

06/07/2009
Tagli scuola, la sentenza della Corte conferma i dubbi.

La sentenza della Corte Costituzionale, dichiarando l’illegittimità dell’articolo 64 della legge 133 e dell’articolo 3 del decreto legge 154 in materia di criteri di dimensionamento scolastico e programmazione della rete scolastica, conferma i dubbi e le preoccupazioni che da sempre la Regione aveva espresso sulla costituzionalità dei provvedimenti che il governo ha assunto in questo anno sulla scuola pubblica e che l’avevano costretta a presentare ricorso alla Corte Costituzionale per illegittimità.

La previsione normativa, come già il Piemonte aveva denunciato lo scorso autunno, se applicata, avrebbe non solo espropriato le Regioni di una loro facoltà, ma scardinato anche la scuola pubblica come istituzione profondamente radicata nei territori e scaricato enormi costi sociali ed economici sui Comuni, prescindendo da qualsiasi analisi delle singole situazioni territoriali.

La conferma della competenza regionale in materia di programmazione della rete scolastica rischia però di essere compromessa dalle scelte governative sull’attribuzione dell’organico che, nonostante la diversa previsione normativa, sono state operate dal ministero senza alcun confronto con le Regioni. Ad oggi infatti assistiamo a realtà dove, per la riduzione del personale docente, i dirigenti non riescono a comporre le classi prime. In Piemonte, su 3512 punti di erogazione di servizio scolastico, 816 sono i plessi considerati sottodimensionati e circa 400 quelli che rischiano la chiusura già da quest’anno.

La presidente della Regione Mercedes Bresso e l’assessore all’Istruzione Gianna Pentenero dichiarano: “Avevamo ragione, i provvedimenti del governo non sono applicabili. Chiederemo quindi con forza al Governo, a fronte della sentenza, di sospendere gli annunciati tagli di organico, che per la nostra Regione ammontano a circa 2500 insegnanti e oltre 900 unità per il personale ausiliario, e di mantenere per il prossimo anno scolastico l’attuale dotazione di organico, rinviando cosi le riduzioni previste ad un ragionamento serio con le Regioni che permetta loro di considerare le specificità e caratteristiche di ogni singola realtà e di approvare, entro la fine di quest’anno, un piano di dimensionamento e della rete dei servizi scolastici rispondente alle esigenze del territorio”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.