Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

26/05/2009
Aperta la variante di Strevi, tutta finanziata dalla Regione con 50 milioni.

Taglio del nastro il 25 maggio per la variante di Strevi, alla presenza della presidente della Regione e dell’assessore ai Trasporti e Infrastrutture. L’opera, interamente finanziata dalla Regione con oltre 50 milioni di euro, di cui 36,5 per lavori, consente all’intenso traffico veicolare in transito sulla ex sr30 tra Alessandria e Acqui Terme di evitare l’attraversamento dell’abitato di Strevi, risolvendo importanti problemi trasportistici, ambientali e di sicurezza stradale.

I lavori, consegnati nell’agosto del 2005, hanno avuto un andamento regolare, fatta eccezione per i ritardi in due aree distinte del tracciato, in località Cascina Braida e località Rosso, dove il rinvenimento di reperti archeologici ha comportato la bonifica, la “catalogazione” e la copertura delle aree su richiesta dalla Sovrintendenza ai Beni archeologici del Piemonte. Questa complessa attività è stata poi pesantemente condizionata dalle straordinarie precipitazioni atmosferiche dell’inverno scorso, che hanno fatto slittare il termine di ultimazione dei lavori di oltre 200 giorni.

La nuova strada, a carreggiata unica, ha una lunghezza complessiva di circa 5,1 chilometri ed è stata realizzata parte in rilevato, parte in trincea e per circa 1.800 m in viadotto, con una struttura portante in acciaio Corten che sovrappassa per due volte la ferrovia. Sono state inserite idonee mitigazioni ambientali funzionali ad un migliore inserimento nel contesto attraversato, come gli oltre 7500 metri cubi di barriere acustiche e una piantumazione diffusa.

La presidente ha rilevato che si tratta della prima strada che la sua Giunta ha finanziato, avviato e concluso, e che contribuirà allo sviluppo delle potenzialità del territorio sotto i profili turistico, con la valorizzazione delle Terme, e produttivo, con l’insediamento di importanti realtà economiche. L’assessore Borioli, oltre a fornire una serie di dati relativi all’opera (oltre 14 km di barriere di sicurezza, 11.500 tonnellate di acciaio, una media di 50 lavoratori al giorni per 250mila ore di lavoro e un solo infortunio), ha sottolineato che la nuova variante di Strevi è stata progettata e realizzata in conformità alla futura bretella verso Predosa con il nuovo casello sulla A26. Su questo fronte Cap, la società concedente mista Anas-Regione, sta analizzando le procedure per stabilire i prossimi passi concreti per realizzare l’opera in tempi brevi. L’obiettivo è partire con il bando per il project financing della bretella all’inizio del 2010.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.