Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

25/05/2009
Alessandria, militari in città per una maggiore sicurezza.

“La possibilità di militari anche ad Alessandria con compiti di pattugliamento e controllo dell’area urbana, considerate le difficoltà del Comitato per la Sicurezza per insufficiente personale delle Forze dell’Ordine”: è quanto ha chiesto il Sindaco Piercarlo Fabbio al Ministro della Difesa, l’On. Ignazio La Russa, venerdì venuto in visita nella nostra città.
“Ringraziamo il Sindaco - commentano i Consiglieri Comunali Maurizio Sciaudone e Mario Bocchio, anche loro presenti all’incontro - perché ha portato ufficialmente all’attenzione del Ministro l’istanza che era contenuta in una nostra interpellanza, discussa in Consiglio Comunale lo scorso mese di marzo”.

“Il nostro documento - spiegano - era ed è assolutamente in linea con quanto voluto dal Governo: pattuglie miste Forze dell’Ordine-Esercito in un maggior numero possibile di città. Dopo i risultati sin qui conseguiti nelle città metropolitane, i pattugliamenti delle Forze Armate potrebbero essere estesi anche a tutti i centri abitati capoluogo di provincia e a quelli superiori ai cinquantamila abitanti”. “La nostra proposta - concludono i due Consiglieri - traeva spunto dalle ripetute sollecitazioni di Berlusconi e ipotizza per le Forze Armate un maggiore ricorso ai compiti non specificatamente di difesa attualmente riservati alle Forze dell’Ordine. Da parte del Governo nazionale è forte la volontà di rendere il più possibile sicure le nostre città. Come noto, in alcuni grossi centri italiani, è stato reso operativo il pattugliamento del territorio da parte di aliquote delle Forze Armate, in supporto e ad integrazione del lavoro d’istituto già svolto dalle Forze dell’Ordine.

La sicurezza urbana è attualmente vissuto, infatti, come bene primario da garantire affinché posa essere fruito un alto livello di qualità della vita. La crescente domanda di sicurezza deve impegnare anche tutte le Amministrazioni Locali e gli Enti Istituzionali in una crescente sfida per mantenere alti i livelli attraverso l’assunzione di richieste e di iniziative che consentano agli operatori pubblici di mettere in primo piano le esigenze della popolazione”.
“Il Consiglio dei Ministri - ha risposto il Ministro La Russa al Sindaco Fabbio - dovrebbe ribadire il progetto per l’utilizzo di 4500 militari proprio per il pattugliamento a piedi e nelle ore serali, assieme alle Forze dell’Ordine, allargandolo ai capoluoghi di provincia, almeno a quelli i cui Sindaci lo chiedono”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.