Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

22/05/2009
I fabbisogni delle imprese piemontesi, 200 profili più richiesti.

Progettisti di hardware, software, sistemi aerospaziali e meccanici, esperti di marketing e vendita, enologi, agronomi, restauratori, gestori delle commesse edilizie, cuochi e camerieri, tecnici di controllo qualità, esperti nella gestione dei rifiuti: sono alcuni dei 200 profili di cui le imprese piemontesi avranno bisogno nel medio periodo e che costituiscono i risultati di un’indagine promossa dalla Regione e dalle Province nell'ambito del progetto RIF (Rete imprese fabbisogni).

Presentata il 21 maggio presso il Museo regionale di Scienze naturali di Torino, ha coinvolto 19 settori produttivi nei quali sono stati indagati i fabbisogni professionali di oltre 3.000 aziende, coinvolte in oltre un centinaio di seminari settoriali con il supporto di circa 400 esperti provenienti dalle parti sociali e dal sistema educativo tecnico professionale.

L'obiettivo non era quello di fotografare la situazione attuale o di breve periodo, ma di compiere uno sforzo prospettico sul medio-lungo termine. Un questionario richiedeva di esprimere per ogni profilo professionale preventivamente individuato se il fabbisogno è destinato nei prossimi anni a crescere, diminuire o restare invariato, se e quali difficoltà comporta il reperimento di personale, quale livello di istruzione ideale questi dovrebbe avere.

La crisi economica ha, di fatto, provocato una forte accelerazione al processo di integrazione tra le politiche del lavoro e quelle formative. L’obbligatorietà di accompagnare percorsi di formazione professionale al sostegno al reddito può produrre eccellenti risultati ma anche grosse delusioni se non si riescono ad offrire alle persone alcuni strumenti importanti in grado di rafforzare la loro posizione sul mercato del lavoro. Il rischio di ricadere in azioni meramente assistenziali è molto elevato.Sotto questo aspetto l’indagine RIF vuole portare un sensibile contributo per una programmazione delle attività formative realmente efficace ed in sintonia con le aspettative del mercato, almeno nelle sue parti tuttora attive e competitive. L’individuazione delle figure strategiche per i prossimi quattro o cinque anni rappresenta infatti un punto di riferimento importante per l’attività dei Centri per l’Impiego, ai quali spetta la responsabilità di conferire informazioni attendibili al sistema della formazione professionale se si vuole realmente realizzare un processo di politica attiva efficace.

I dati oggi a disposizione e le prospettive di integrazione degli stessi attraverso una ripresa delle attività di indagine previste per i prossimi anni attraverso la prosecuzione del progetto RIF non possono che aggiungere elementi di certezza al percorso di integrazione tra politiche del lavoro e politiche formative indispensabile per affrontare non solo il difficile momento di crisi ma anche e soprattutto lo sviluppo del sistema economico regionale.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.