Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

28/11/2008
Valenza, al teatro sociale è di scena "Keely and Du".

Il conflitto tra fede e libertà affrontato in palcoscenico. Una commedia per chi ha ancora voglia di pensare, di affrontare alcuni temi che la Società ci mette sotto agli occhi tutti i giorni: si tratta di Keely and Du, lavoro tratto da Jane Martin e portato in scena da Beppe Rosso, al Teatro Sociale di Valenza mercoledì 3 dicembre.
La linea produttiva di Beppe Rosso prende avvio dalla necessità di un confronto con testi di nuova drammaturgia straniera e autori che, con forme e modalità diverse, affrontano i territori e le tematiche dell’inquietudine contemporanea.

Su questa scia si colloca Keely and Du, che affronta il problema etico dell’aborto, sollevato con veemenza nell’attuale dibattito sociale e culturale, in tutte le sue implicazioni, per far scaturire da esso il conflitto fondamentale del tempo presente: quello tra fede e libertà, quello sul precario confine tra pensiero laico e religioso.
La commedia, immersa in una situazione estrema, racconta del rapimento di una giovane donna -che vuole abortire perché violentata dall’ex marito - da parte di un prete e della sua aiutante, membri di un’organizzazione di difesa alla vita, che intendono accudirla amorevolmente per tutta la gravidanza e provvedere alle spese per la crescita del figlio.
Il dramma innesca una corsa contro il tempo, in cui la suspence è garantita dalla bomba ad orologeria che Keely porta in grembo. Il testo fa emergere nell’immagine della ragazza incatenata al letto, sotto gli occhi del sacerdote, l’assurdo paradosso che trasforma l’amore in violenza, la carità in sopruso.

Sullo sfondo il dibattito sui confini del libero arbitrio e il tema della famiglia, agognata e messa in discussione anche attraverso il personaggio del marito richiamato sulla scena dal sacerdote.
L’amicizia che nasce tra le due donne eleva il dramma dalla sfera ideologica a quella più profondamente umana.
La scrittura di Jane Martin, caratterizzata da un’estrema leggerezza pur affrontando un tema così denso e tragico, riesce a mantenere gli andamenti e l’ironia della commedia, per far emergere le contraddizioni di cui sono vittime i quattro protagonisti.
La traduzione è di Filippo Taricco, la regia di Beppe Rosso. In scena Barbara Valmorin, Beppe Rosso, Federica Bern, Alessandro Lombardo e Francesco Mina.
La scenografia è di Paolo Baroni, le luci di Cristian Zucaro.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.