Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

08/07/2008
Alessandria, nota integrativa del Sindaco sul nuovo ospedale.

Il sindaco Piercarlo Fabbio ha inviato all'assessore regionale alla Sanità, Eleonora Artesio, una nota integrativa al documento tecnico, prodotto dall'Azienda Ospedaliera alessandrina come allegato al Protocollo d'intesa per il nuovo ospedale alessandrino.
Nel documento, il sindaco pone l'accento sulla necessità di approfondire alcuni temi per evitare il rischio "di dare origine ad un percorso che pianifica un futuro lontano con una logica di breve termine" o quello "di dare per scontati dei punti che invece appaiono di estrema rilevanza e che devono essere immediatamente chiariti".
Il sindaco evidenzia poi che nell'impostazione del nuovo ospedale deve essere inserita un'analisi della patologie più diffuse sul nostro territorio, corredate da uno studio sull'evoluzione prevedibile delle patologie nei prossimi 15 anni, oltre alle curve demografiche previste nello stesso lasso di tempo, al fine di pianificare un ospedale coerente con la finalità di tutela della salute della persona.

Grande attenzione viene posta al tema della ricerca: Piercarlo Fabbio invita a "non pianificare un ospedale che insegue le problematiche della salute, ma che anticipa le soluzioni attese". "La nostra città - prosegue il primo cittadino - ha dipartimenti universitari che possono fornire un contributo tecnico, ed altri possono essere eventualmente affiancati in futuro, nella logica del sostegno alla medicina ospedaliera. Un ruolo di primaria importanza deve essere garantito alla ricerca, come motore di innovazione in campo medico. Si pensi, solo a titolo di esempio, alle evoluzioni attese nell'applicazione tecnologica ospedaliera dalla ricerca in ambito generico e alla bioingegneria".

Viene poi sottolineata l'esigenza di progettare un nosocomio che sia funzionale alle esigenze del malato, in primis, e quindi del medico, prestando attenzione alle esigenze dei diretti interessati, illustrando, dibattendo e condividendo ampiamente con i primari ospedalieri e con i vertici del sistema infermieristico le decisioni e informando la città delle scelte adottate e delle ragioni tecniche che le sottendono.
Sulla localizzazione della struttura, Piercarlo Fabbio, ricorda che "tale questione diventa una scelta conseguente e non un assunto. L'ospedale deve essere inserito nella idea di nuova città. Tale scelta deve tenere conto dei temi logistici e del costo dei servizi collegati. Non devono quindi esserci vincoli aprioristici alla scelta (si vedano i riferimenti al Borsalino) perché la scelta dev'essere funzionale alle indicazioni di sviluppo, di modernità di esigenze tecniche da indicare".

Il sindaco ricorda infine che il nuovo ospedale dev'essere il nosocomio di un capoluogo di Provincia, punto di riferimento del territorio, inserito in un contesto di area vasta. Questo prevede un processo di riorganizzazione dei flussi da e verso gli ospedali periferici della provincia "se infatti, come sembra, la centralizzazione delle strutture sanitarie è un trend ormai definitivo, allora lo sviluppo del nostro ospedale nel senso di specializzazione con attività interventistica adeguata, da un lato, non può essere avulso da una logica di razionalizzazione e di collaborazione con le altre strutture ospedaliere, dall'altro".




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.