Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/07/2008
Castelli aperti, Domenica 6 luglio: Tra palazzi e manieri in Alto Monferrato

Tra palazzi e manieri in Alto Monferrato
Domenica 6 luglio aprono Palazzo Tornielli, il Castello di Grillano, il Castello di Prasco, il Castello di Orsara Bormida e il Castello di Morbello.
Visitabili anche il Castello di Lajone, a Quattordio, e il Castello di Piovera.
Si rinnova anche questo fine settimana l'ormai classico appuntamento con Castelli Aperti, la rassegna che apre, da primavera ad autunno, gli edifici storici più belli del sud del Piemonte e offre a tutti la possibilità di trascorrere una domenica piacevole scoprendo i tesori che custodiscono le nostre terre.

Domenica 6 luglio, in provincia di Alessandria, è di scena l'Alto Monferrato, terra dal paesaggio composito ed eterogeneo arricchita da chiese, ville e ovviamente castelli, spesso situati in posizioni privilegiate da cui ammirare panorami irripetibili.

Alla sua prima apertura stagionale, uno degli edifici più significativi dell'Ovadese è sicuramente PALAZZO TORNIELLI, a Molare. Sorge al centro dell'antico borgo, distrutto nel 1625, e si presenta
allo sguardo con una facciata neoclassica. Le sue origini risalgono al 1834, per volere di Celestino Tornielli, e fu terminato dal figlio Giovanni.
Al suo interno si possono ammirare uno scenografico scalone con balconate interne, un grande salone e salotti decorati da bellissimi affreschi di Ignazio Tosi. Molto suggestive sono le cantine con l'antico pozzo e il forno (Orario: 9.30-12.30; 15.30-18.30 Ingresso: € 5,00 Info: 333 4460736).

Nei dintorni di Ovada, circondato da un meraviglioso vigneto, è pronto ad accogliere i visitatori il CASTELLO DI GRILLANO, un edificio risultato dall'accorpamento di diverse strutture, avvenuto tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento, anno in cui subì una massiccia ristrutturazione.
Dagli anni Trenta del Novecento ospita un'azienda agricola (Orario: 10.30-12.45; 14.30-19.30 Ingresso: € 5,00 intero, € 3,00 ridotto Info: 0143 821085; tcr.grillano@libero.it).

Torna ad aprire anche il CASTELLO DI PRASCO, un vero e proprio maniero del XII secolo con tre imponenti torrioni semicircolari e un corpo centrale, articolato intorno a una rete di giardini pensili.
Il suo tesoro è custodito nel parco: una splendida neviera seicentesca perfettamente conservata, una ghiacciaia naturale protetta dalla fitta vegetazione del parco (Orario: 14.30-18.30 Ingresso: € 5,00 intero, € 3,00 ridotto Info: 0144 375769; gallesio@economia.unige.it).

Ai confini tra Acquese e Ovadese tocca al CASTELLO DI ORSARA BORMIDA. Situato in cima alla collina più alta del paese ha una posizione panoramica che permette di scorgere case, strade digradanti la pianura e le colline circostanti.
Al suo interno una grande ricchezza di elementi artistici: pitture e sculture d'epoca. Quelle che ora sono le cantine, un tempo erano le prigioni.
Nei pressi del Castello è visitabile l'oratorio, mentre nella parte bassa del paese, all'interno delle exscuole elementari merita una visita il Museo Etnografico (Orario: 15.30-18.30 Ingresso: € 5,00, € 3,00 ridotto Informazioni: 0144 367016; www.orsara.com).

Proseguendo a sud, verso l'Alta Val Bormida, un'atmosfera veramente medievale si potrà respirare al CASTELLO DI MORBELLO.
La costruzione risale al XII secolo, e ha visto alternarsi molte famiglie: gli Aleramo, i Del Bosco, i Malaspina (ramo secco), i Guala-Beccaria, gli Spinola, i Pallavicino.
Durante il percorso di visita si avvicenderanno personaggi in costume d'epoca, che contribuiranno a rendere l'itinerario ancora più suggestivo e realistico.
Oggi il Castello è sede dell'associazione culturale medievale Limes Vitae (Orario: 14.30-18.30; Ingresso: € 3,00 intero, gratuito sotto i 12 anni; Informazioni: 347 1286599; www.medioevolimesvitae.it).

Domenica apriranno anche il CASTELLO DI LAJONE, a Quattordio, e il Castello di Piovera.
Il primo originariamente di proprietà del feudatario locale, passò poi a famiglie nobili di Alessandria e Asti che ne accrebbero l'importanza signorile. Immerso in un panorama collinare, è circondato da
roseti e da un parco secolare in cui prosperano querce, sequoie e cedri del Libano (Orario: 10-13, 15-18; Ingresso: € 4,00, € 2,00 ridotto; Informazioni: 333 9788157, www.castellodilajone.it).

Il CASTELLO DI PIOVERA nel XIV secolo fu possedimento dei Visconti che lo trasformarono in poderosa fortezza, per poi passare ai Balbi. Attualmente si presenta come un edificio complesso e
assai scenografico, ancora tinteggiato in parte a lutto per la morte di Napoleone Bonaparte. Di particolare interesse, oltre alla visita al castello, i laboratori d'arte curati personalmente dal Conte
Niccolò Calvi Di Bergolo (Orario: visite guidate 15.30-17.30; Ingresso: € 6,00, € 3,00 ridotto, gratis con l’abbonamento musei Torino Piemonte 2008; Informazioni: 0131 698128, castelpiovera@tiscali.it).

Domenica 6 luglio, in provincia di Alessandria sono molte altre le occasioni di visita da non perdere, grazie agli edifici che aprono tutte le domeniche della rassegna:

ACQUI TERME – Castello dei Paleologi
BERGAMASCO – Castello di Bergamasco
CASALE M.TO – Museo Civico, Ex Convento di S. Croce
CONZANO – Villa Vidua
GAVI- Forte di Gavi
POZZOLO FORMIGARO – Castello Comunale
TRISOBBIO – Castello di Trisobbio
VIGNALE – Palazzo Callori

Castelli Aperti è una rassegna promossa da Regione Piemonte, Provincia di Alessandria, Provincia di Asti, Provincia di Cuneo e coordinata dall'Agenzia di Sviluppo del Territorio LAMORO.

Per ulteriori informazioni e per consultare le aperture dei castelli delle tre Province aderenti a Castelli Aperti, è possibile visitare il sito internet www.castelliaperti.it; e-mail: info@castelliaperti.it.

COMUNICHIAMO CHE CONTRARIAMENTE A QUANTO SEGNALATO SULL'OPUSCOLO DI CASTELLI APERTI IL CASTELLO DI CREMOLINO e il CASTELLO DI ORSARA BORMIDA DOMENICA 6 LUGLIO NON APRIRANNO PER SOPRAGGIUNTI IMPEGNI NON
PREVISTI DEI PROPRIETARI.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.