Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

10/06/2008
Presentata a Palazzo Ghilini la quinta edizione di BIODIVINO 2008.

La “Rassegna dei Vini Biologici BiodiVino” giunge alla sua 5ª edizione. Oltre 300 i vini inviati da tutte le regioni italiane: al primo posto si colloca il Piemonte con 67 vini, seguito dalla Toscana, che ha raggiunto quota 60. L’iniziativa è organizzata dalla Provincia di Alessandria – Assessorato Agricoltura, dall’Associazione Città del Bio e dall’AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica), in collaborazione con il Comune di Trisobbio.
Il recente appuntamento internazionale del BIOFACH a Norimberga (febbraio 2008) e il successivo appuntamento del Vinitaly a Verona, hanno evidenziato, ancora una volta, che i “vini bio” sono al centro dell’attenzione ed il numero delle aziende che sceglie il metodo biologico è in costante aumento.
L’Italia è il paese leader in Europa nelle produzioni bio: su dieci aziende del settore, quattro sono italiane e anche nella viticoltura la penisola è in cima alla classifica, anche se la competizione, a livello europeo ed internazionale, si fa sempre più incalzante. Quasi la metà del vino europeo prodotto con uve a coltivazione biologica è prodotto in Italia, che può contare su una superficie complessiva a viticoltura biologica pari a 34 mila ettari.

Il metodo biologico è una grande opportunità per l’agricoltura italiana ed europea, la cui sopravvivenza è affidata ad una scelta di qualità declinata nei parametri organolettici, ambientali e sociali. Un alimento, infatti, è buono quando piace, quando rispetta e non pregiudica l’ambiente in cui viene prodotto, quando assume la necessità di corretti rapporti sociali e propone una solidarietà tra chi produce e chi utilizza i prodotti della terra.

Molte sono le novità che accompagnano l’edizione di quest’anno. La prima è che le commissioni che hanno valutato i campioni in gara sono state le stesse della “Selezione del Sindaco” (il concorso organizzato da Città del Vino), con oltre 50 giudici provenienti da tutta Europa. La seconda è che i vini che hanno superato il punteggio di 80/100 saranno inseriti nella guida “Vini da Vedere”, che conterrà un apposito capitolo dedicato ai vini della rassegna BiodiVino. La terza, infine, è che le aziende e i vini della rassegna saranno on-line sulle pagine della Bioenoteca, consultabile dai siti www.cittadelbio.it e www.aiab.it.

“BiodiVino 2008 si riconferma, anche ques’anno, come vetrina accreditata della migliore vitivinicoltura biologica italiana – spiegano il presidente della Provincia, Paolo Filippi, l’assessore all’Agricoltura, Davide Sandalo, e l’assessore alla Pianificazione Territoriale e presidente dell’Associazione BiodiVino, Gian Franco Comaschi – di sicuro interesse non solo per i buyer e gli intenditori specializzati, ma anche per i consumatori appassionati. Il percorso che stiamo compiendo per portare i vini della provincia di Alessandria ad un livello superiore vuole essere la testimonianza di un territorio che mira a consolidare la propria vocazione enogastronomia ben al di fuori dei confini provinciali e regionali. Dobbiamo continuare a ricercare la qualità dei nostri prodotti e iniziative come BiodiVino rappresentano un tassello importante nel disegno di rilancio dell’eccellenza vitivinicola locale”.
“BiodiVino” e “Selezione del Sindaco” si sono felicemente incontrati nel 2007, con la cerimonia di premiazione a Roma in Campidoglio il 16 luglio. “Un incontro – sottolinea il sindaco di Trisobbio, Antonio Facchino – che ha evidenziato il comune sentire sul tema del legame delle produzioni con i propri territori di origine, della difesa della biodiversità e della conservazione del paesaggio agrario, della “qualità” opportunamente declinata e dei comuni interessi di produttori e consumatori”.

I prossimi appuntamenti.
Domenica 15 giugno appuntamento a Trisobbio (AL) con:
• il convegno che si terrà presso la “Tenuta La Cannona” dal titolo “Dalla vigna al mercato: prospettive per il vino italiano di qualità”
• la premiazione dei vini in concorso
• le degustazioni guidate con la presenza dei produttori presso l’Enoteca l’Antico Torchio – Bottega BiodiVino
• la premiazione delle cantine del Consorzio di Tutela del vino Dolcetto di Ovada (ore 16,00 Castello di Trisobbio)
Giovedì 26 giugno, assieme alla Selezione del Sindaco, appuntamento a Roma, in Campidoglio, con la manifestazione di conclusione del concorso.
BiodiVino e Selezione del Sindaco premieranno i sindaci nei cui Comuni sono stati prodotti i vini che hanno ricevuto una menzione nel concorso e nella rassegna.

Per info: AIAB Piemonte tel. e fax 0114501250




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.