Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

29/05/2008
Piemonte libero dal fumo, il piano regionale anti-tabacco 2008-2012.

Smettere di fumare sarà più semplice. Con il nuovo piano antitabacco 2008-2012 "Piemonte libero dal fumo" la rete regionale dei Centri antifumo sarà riorganizzata mediante l'omogeneizzazione dei servizi già attivi, l'apertura di nuove strutture nelle zone attualmente sprovviste e l'integrazione di tutti i professionisti interessati. Con l'approvazione dei nuovi livelli essenziali di assistenza (Lea) da parte del Governo, i trattamenti per la cessione del tabagismo sono stati assimilati a quelli per la cura di tutte le altre dipendenze patologiche, proponendo così un nuovo approccio al problema della disassuefazione e garantendo pertanto a tutti i cittadini le stesse opportunità di accesso ai servizi.

Lo ha annunciato l'assessore regionale alla Tutela della salute e sanità, Eleonora Artesio, nel corso di una conferenza di stampa svoltasi il 29 maggio per fare il punto sulla lotta al fumo, in occasione della Giornata mondiale che ricorre ogni anno il 31 maggio (il fumo è la principale causa di morte prevenibile in Piemonte e provoca ogni anno circa 6000 decessi, il 12% di quelli totali).

"La politica regionale di contrasto al tabagismo - ha affermato Artesio - insieme al provvedimento ministeriale, consentirà un'organizzazione più strutturata dei servizi. Il nuovo piano, infatti, prevede azioni concrete rivolte prevalentemente in tre direzioni: la promozione della salute e la prevenzione dell'abitudine al fumo tra gli adolescenti, l'assistenza e il supporto alla disassuefazione e il controllo del fumo passivo, in special modo nei luoghi di lavoro e presso le strutture sanitarie".

Grazie alla collaborazione della Commissione regionale antitabacco e della Consulta "Piemonte libero dal fumo" è stato realizzato un programma quinquennale di interventi che vede nel potenziamento delle attività di contrasto al tabagismo il suo obiettivo principale. Saranno organizzati corsi di formazione rivolti ai medici di medicina generale, ogni azienda sanitaria sarà sostenuta nella creazione di un piano specifico per i servizi di cessazione e saranno potenziate le attività informative rivolte ai cittadini. Il Piano, insieme ai numerosi progetti già avviati in tutto il territorio e nelle singole aziende sanitarie, consentirà di avviare concretamente le linee guida clinico-organizzative per la cessazione del fumo di tabacco realizzate nel 2007.

"I dati epidemiologici sul tabagismo - ha dichiarato Artesio - se da un lato evidenziano la progressiva diminuzione della prevalenza negli ultimi anni, dall'altro mostrano un preoccupante incremento dell'abitudine al fumo tra gli adolescenti. Anche in questa direzione è importante favorire una rete territoriale tra la scuola e le strutture sociali e sanitarie interessate alla prevenzione al controllo. Uno degli obiettivi del progetto regionale è infatti quello di inserire nei piani di offerta formativa percorsi specifici dedicati alla promozione della salute e di favorire tutte quelle attività educative, ludiche e culturali volte alla diffusione di stili di vita sani".





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.