Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

12/12/2007
Alessandria, la ZTL al Cristo con un'ordinanza firmata dal sindaco.

Il Sindaco, Piercarlo Fabbio, ha firmato un'ordinanza viabile, che entrerà in vigore il 17 dicembre prossimo, di modifica parziale di quella emessa il 5 novembre scorso sull'istituzione della ZTL. Resta fermo, nelle zone sottoposte a ZTL, il divieto di circolazione per tutti i veicoli Euro 0 Euro 1 ed Euro 2, tranne per quelli appartenenti ai residenti e ai soggetti derogati. Dalle 8,30 alle 11,30 di ogni giorno, inoltre viene vietata la circolazione a tutti i veicoli, tranne i mezzi pubblici e i residenti.
Nel corso del primo mese di sperimentazione sono state prese in esame le istanze presentate dai cittadini e si sono eliminati alcuni punti di criticità.

Con il nuovo provvedimento risultano quindi interessate 4 zone cittadine: zona Orti, zona Galimberti, zona Pista e zona Cristo.
Questo l'elenco delle vie comprese nell'ordinanza odierna:
ZONA ORTI: Via della Chiatta, Via della Cappelletta, Via Magellano, Via XXVIII Marzo, Via Parvopassu, Via Civalieri, Via Sassi, Via Penna, Via Santorre di Santarosa, Via Porta, Via Morando, Via Cabruna, Viale Milite Ignoto (a ovest del Viale Milite Ignoto di fronte a via Campo Commerciale).

ZONA GALIMBERTI: Via Benedetto Croce da via Pochettini a via Scassi, Via Scassi, Via Don Stornini, Villaggio Commercianti, Via Pochettini da via Crocea via Galimberti, Via De Foro, Via Galimberti da via Scassi a via Di Vittorio.

ZONA PISTA: Via Stephenson, Via Lanzavecchia, Via Torino, Via Firenze, Via Aspromonte, Via Wagner, Via Foscolo, Via Galilei da Viale Medaglie d'Oro a via Napoli, Via Galilei da viale XX Settembre a corso IV Novembre, Via Galilei da via Rivolta a via San G. Bosco, Via Giotto, Via Palermo da via Rivolta a Corso IV Novembre, Via Trieste, Via Buozzi da via Pellico a via S. G. Bosco, Via Rivolta da corso IV Novembre a via Galilei, Via Manzoni, Via Zamenhof, Via Sauro, Via Parnisetti da via Palermo a Corso Romita, Via Ardigò, Via Bravetta, Via Messina, Via Napoli da via Giotto a viale Medaglie d'Oro, Viale Medaglie d'Oro, Via Franzini, Via Zucchi, Via Braschi, Via Bonelli, Via Testone, Via Alberini, Via Baggiolini, Via Damasio, Via Livorno, Via Abba Cornaglia, Via Trento, Via Micca, Via Tonso da corso Romita a via De Gasperi.

ZONA CRISTO: Via Recalcati , Via Bove, Via Rosselli, Via Battisti, Via Minzoni, Via Costa, Via Viora, Via Perboni, Via Zoppi, Via Capriolo da via Aliora a via Bilio, Via Bilio, Via Cuttica, Via Cermelli, Via Vassallo Giarola, Via Gandolfi, Via Gaeta, Via Bobbio, Via Bensi, Via Cantiello, Via Del Coniglio.
Restano valide tutte le deroghe già presenti nella precedente ordinanza.

Avendo eliminato vie o tratti di via dalle zone già interessate dal provvedimento, si è reso necessario introdurre la zona del Cristo per mantenere il parametro del 20 per cento delle strade cittadine previsto dalla legge regionale
Dopo aver concluso la fase di revisione della nuova ZTL, l'Amministrazione di Alessandria intende ora passare ad una azione più complessiva a favore di una politica per la mobilità sostenibile e la lotta all'inquinamento atmosferico. Domani sarà discusso in Giunta un primo documento di indirizzo, da sottoporre al Consiglio comunale, in cui si prendono in esame le azioni da intraprendere per arrivare ad un vero miglioramento della situazione ambientale.

"Ci sono due modi per affrontare il problema - ha dichiarato il sindaco Piercarlo Fabbio - uno è quello di trovare sempre un capro espiatorio per non aver avuto successo e, quindi rilanciare la posta a tutto discapito dei concittadini; l'altro è quello di prendere coscienza che nessun provvedimento può, a tutt'oggi, eliminare l'inquinamento atmosferico (peraltro non il solo pericoloso e non solo dovuto alle PM 10), ma considerare l'opera da compiere come un progetto generale, da condividere con tutti e all'interno del quale sono più importanti il metodo partecipativo e il dibattito che non provvedimenti di difficile applicazione che vengono subiti dai cittadini ".

Il documento di indirizzo conterrà alcune premesse di metodo che sono diventate di estrema importanza se si vuole evitare uno strappo tra "amministratori con velleità educative" e "concittadini maleducati e incolti". "Non è questo il modo corretto per impostare il problema - ha continuato il sindaco - occorre, trovare una politica di intenti sull'emergenza ambientale che sappia, però, rispettare il valore delle libertà individuali e della storia sociale di una Città.
Non posso condividere l'Amministrazione provinciale di Alessandria che ritiene di dover semplicemente liquidare come cattive abitudini le proteste degli Alessandrini.
Si tratta di provvedimenti, spesso difficili da comprendere e da rispettare e sempre più inconciliabili con le esigenze del lavoro e delle faccende giornaliere.
Quello che è peggio e che ora si tenta di nascondere l'inattività trovando nei Comuni un facile capro espiatorio. Non era certamente questo l'intento dei provvedimenti regionali, sia della Giunta Ghigo che della Giunta Bresso, a meno che non si intenda liquidare tutta l'attività di partecipazione e di progettualità culturale, che doveva stare dietro ai provvedimenti obbligatori, con eventi fieristici o con qualche convegno".

Nelle linee guida del documento che approderà domani in giunta quindi , di miglioramento della qualità dell'aria viene assunto come impegno di tutta la Città e non solo dei suoi amministratori. "Non importa quanto tempo ci vorrà, ma in questo momento è di fondamentale importanza condividere e comunicare un idea, un progetto, un ideale, piuttosto che allontanare ulteriormente il consenso cittadino - ha concluso Piercarlo Fabbio - come sembrano invece ricercare, almeno nei fatti se non nelle intenzioni, i comportamenti tenuti dalla nostra Provincia. Al contrario, mi sembra di aver colto una certa convergenza sulle nostre idee anche in alcuni commenti, seppur critici, dell'opposizione ".

Nell'atto di indirizzo vengono prese in esame alcune azioni concrete che da una parte comincino a incidere sulla riduzione dell'inquinamento atmosferico, ma dall'altra sappiano anche "farsi capire" dai cittadini.
"Dobbiamo, comunque, anteporre, a tutti i ragionamenti fatti, una questione preliminare - ha tenuto a precisare l'assessore Serafino Vanni Lai - relativa al metodo di rilevamento della qualità dell'aria attraverso le centraline dell'Arpa Piemonte. Queste ultime, seppur utili strumenti e importanti indicatori di qualità, non possono essere intese come giudici primi ed inappellabili dei risultati. In caso contrario potremmo commettere l'errore di abbandonare importanti iniziative solo perché singole rilevazioni non ne registrano l'effetto".




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.