Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

10/08/2007
La provincia di Alessandria interviene contro la moria dei pesci.

L’episodio citato su “La Stampa” dell’8 agosto scorso relativo ad una moria di pesci nel torrente Scrivia presso Tortona solleva un problema di carattere generale, la cui risoluzione non è ulteriormente differibile, relativo alla gestione delle risorse idriche ed al rispetto degli ecosistemi fluviali.
Il presidente della Provincia di Alessandria, Paolo Filippi afferma che “quanto avvenuto nel torrente Scrivia capita, purtroppo, nella gran parte dei tratti planiziali di altri torrenti alessandrini (Orba, Lemme, Curone tra gli altri), nei tratti soggetti a derivazioni idriche, soprattutto ad uso irriguo. La Provincia di Alessandria, per dovere istituzionale, è tenuta al recupero ed alla messa in salvaguardia della fauna ittica in caso di eventi di asciutta, ma se questa è procurata, come nella maggioranza dei casi, per l’attivazione di canali irrigui, è il gestore che deve, in tempi congrui, avvisare l’Amministrazione Provinciale perché si provveda al recupero dei pesci ed al loro trasferimento dove l’acqua è ancora presente. Nel caso di asciutta di corpi idrici artificiali (canali) il gestore deve chiederne preventiva autorizzazione alla Provincia e provvedere, a sue spese, al recupero del pesce, secondo quanto previsto dall’art.12 della L.R. 37/2006”.

Ogni anno, quindi, personale tecnico della Provincia provvede a tali operazioni, su tutto il territorio provinciale. Nel corso del 2006, in proposito, sono stati effettuati 45 recuperi dell’ittiofauna, nei quali sono stati prelevati e messi in salvaguardia circa 70 quintali di pesci. Non sempre, ovviamente, è stato possibile intervenire, soprattutto dove, come nel caso dello Scrivia citato nell’articolo, non è stata data tempestiva segnalazione alla Provincia.
Secondo il dirigente della Direzione e Valorizzazione Ambientale Provinciale, Giuseppe Puccio, “quella del recupero del pesce e del suo trasferimento non è e non può essere la risoluzione al problema della sofferenza dei pesci in caso di carenza idrica, fenomeno che affligge ampi tratti dei nostri fiumi e torrenti. E’ ormai divenuto indispensabile, dopo l’approvazione dei Piani di Tutela, arrivare a soluzioni che garantiscano l’acqua nello Scrivia e negli altri torrenti alessandrini durante tutto il corso dell’anno, in modo tale che gli interventi di recupero del pesce diventino l’eccezione, non la regola”.

E’ sicuramente importante che i cittadini, come nel caso di Bettole di Tortona, denuncino fatti quali quello citato nell’articolo: ciò è sintomo di coscienza civica e di attenzione alle problematiche ambientali, ma è altrettanto importante che essi siano informati adeguatamente e correttamente su materie importanti e delicate quanto quelle della difficile coesistenza tra i legittimi diritti ad utilizzare l’acqua ad uso privato e gli altrettanto legittimi diritti del corso d’acqua, che, vale la pena ricordarlo, è un bene pubblico, cioè di tutti i cittadini.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.