Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

10/07/2007
Metropolitana che colleghi Novi-Alessandria, Arquata e Tortona e ...

Una metropolitana leggera che colleghi Novi-Alessandria, Arquata e Tortona e, poi, ancora Novi a Genova. Un progetto che l’amministrazione comunale novese vuole realizzare attraverso un piano integrato territoriale promosso dalla Provincia di Alessandria finanziato attraverso fondi strutturali.
«Il progetto è allo studio del nostro ufficio tecnico diretto dall’architetto Maria Rosa Serra - dice il sindaco Lorenzo Robbiano - ora è difficile spiegare nel dettaglio i passaggi di quest’opera imponente per il territorio provinciale. Certamente si tratta di un’opportunità importante per snellire il traffico veicolare oggi congestionato anche nel basso Piemonte».

Novi con il capoluogo di provincia e Arquata e Tortona sarebbe collegata attraverso la rete ferroviaria già esistente con mezzi più moderni che hanno bisogno solo di un macchinista come, appunto avviene nella classica metropolitana dove sul convoglio non è presente alcun ferroviere.

Il treno collegherebbe come in circuito le varie località a cadenze fisse, sarà da stabilire se ogni ora o ogni due ore. «In questo modo - prosegue Robbiano - si migliorerebbero decisamente i collegamenti e ciò agevolerebbe i pendolari, assai numerosi, sia quelli che si recano quotidianamente a Genova per lavoro o per studio sia quelli liguri che scelgono il nostro territorio per impegni di lavoro ma soprattutto di diporto».

Nel progetto si prevedono fermate intermedie anche dove non esiste stazione, un esempio per tutti: l’Outlet di Serravalle Scrivia. Con la “metropolitana leggera” è possibile utilizzare il mezzo di trasporto come quello su gomma dove i bus hanno fermate intermedie durante un tragitto.

Un’altra sosta potrebbe essere quella dell’Antica Libarna da dove potersi poi recare, oltre che a visitare la città romana, anche Gavi, perla della Val Lemme, con le sue bellezze artistiche e naturali. «Oltre al collegamento ferroviario - dicono i tecnici - è opportuno valutare in tale progetto anche la necessità di un servizio navetta che permetta spostamenti agevoli nelle località limitrofe alla fermata ferroviaria. Si tratta pertanto di un piano integrato territoriale dove risulta fondamentale la collaborazione fra i vari enti protagonisti».

La realizzazione della metropolitana leggera che rientra in un programma più ampio stilato dalla Regione Piemonte a favore del trasporto pubblico, oltre a valorizzare il territorio, permetterà anche di combattere l’inquinamento: «I problemi di traffico - sottolinea ancora Robbiano - sono ormai all’ordine del giorno, dare l’opportunità ai cittadini di spostarsi con facilità da un luogo a un altro senza usare l’auto ha due vantaggi: il primo togliere auto e mezzi dalla strada, il secondo avere un’aria pulita con un calo di Pm10, le polveri sottili che costituiscono oggi il maggior fattore di inquinamento atmosferico».

SecoloXIX





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.