Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

06/07/2007
Aperti anche d'estate gli uffici postali dei piccoli Comuni.

Un decreto ministeriale accoglie le richieste della Regione. Nella stagione estiva anche nei piccoli Comuni piemontesi non si verificheranno più chiusure degli uffici postali o indiscriminate riduzioni d'orario, come accadeva invece negli anni scorsi tra le proteste di cittadini, turisti e amministratori locali. Lo stabilisce un decreto emanato dal ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, che fissa gli standard minimi di servizio che Poste italiane dovrà osservare fino al 15 settembre.

"Le riduzioni giornaliere e orarie d'estate - commenta l'assessore regionale alla Montagna, Bruna Sibille - sono state sempre adottate da Poste italiane, sia per far fronte ai turni di ferie del personale, sia sulla base di una discutibile riduzione dell'attività ordinaria degli sportelli. Questi interventi determinavano forti disagi nei residenti e nei turisti che in estate affollano le piccole località delle nostre montagne.
Credo che possiamo dirci soddisfatti del decreto, che non a caso viene emanato pochi giorni dopo la firma dell'accordo del 14 giugno scorso tra Regione Piemonte, Ministero delle Comunicazioni e Poste italiane, che ha sancito in generale un'apertura minima settimanale dei piccoli uffici postali di tre giorni per un totale di almeno 18 ore e il servizio di recapito postale per sei giorni settimanali".

Gli standard minimi di servizio fissati dal decreto prevedono che, nei paesi con meno di 5.000 abitanti e con un solo ufficio postale, non è possibile applicare riduzioni giornaliere o orarie: esse sono consentite solo se non oltre 10 km di distanza c'è un ufficio postale regolarmente aperto e collegato con il trasporto pubblico.
Le riduzioni non possono prevedere aperture inferiori a tre giorni e a 18 ore settimanali e, nei centri a prevalente vocazione turistica possono invece essere previsti, d'intesa con i sindaci, orari ampliati. Il decreto stabilisce infine che le popolazione dei comuni interessati devono avere da Poste italiane una tempestiva informazione sulle variazioni intervenute.

In Piemonte vi sono 1.074 (l'89,1% del totale) con meno di 5.000 abitanti, e 609 (50,5%) non raggiungono i 1.000 residenti. L'accordo del 14 giugno scorso ha avuto il consenso dei presidenti delle 48 Comunità montane del Piemonte, riunitisi la scorsa settimana presso l'assessorato alla Montagna in assemblea periodica.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.