Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

07/05/2007
Benzinai e tassisti tra le categorie più odiate dai consumatori.

Lo scorso anno il Codacons realizzò un’indagine finalizzata a capire quali fossero per i consumatori le categorie professionali più odiate.
A seguito delle innovazioni portate dal Ministro per lo sviluppo Bersani attraverso il decreto sulle liberalizzazioni, e le relative proteste delle varie categorie coinvolte, l’associazione ha deciso di riproporre la stessa indagine, per verificare eventuali cambiamenti nelle antipatie degli italiani.
A circa 1.000 consumatori sparsi in 10 città (Milano, Roma, Bologna, Torino, Firenze, Napoli, Bari, Catanzaro, Palermo e Cagliari) è stata sottoposta una lista di professioni con le quali i cittadini hanno ogni giorno a che fare, ed è stato chiesto loro di indicare per quali di queste, attraverso l’esperienza acquisita nel tempo, si nutra maggiore antipatia.
Ebbene, i risultati sono i seguenti:

BENZINAI 20%
TASSISTI 18%
COMMERCIANTI 17%
IMPIEGATI ENTI PUBBLICI 13%
LAVAVETRI 10%
PROFESSIONISTI E ARTIGIANI 9%
COMMESSI e CAMERIERI 5%
FARMACISTI 4%
ASSICURATORI 1%
BANCARI 1%
MEDICI E INFERMIERI 1%
RISTORATORI 1%

Rispetto allo scorso anno (quando la classifica vedeva in testa i tassisti, seguiti da commercianti e lavavetri), hanno fatto il loro ingresso direttamente al primo posto i benzinai, che hanno relegato al secondo posto i tassisti.

La ragione è semplice – spiega il Codacons – e risiede negli scioperi che nei mesi scorsi sono stati messi in atto dai gestori delle pompe di benzina, e che hanno determinato enormi disagi all’utenza. Gli stessi scioperi che nel 2006 avevano coinvolto la categoria dei tassisti, provocando le ire dei cittadini.
I tassisti tuttavia, grazie a tariffe ancora elevate e ai pochi effetti positivi registrati dal Decreto Bersani in materia taxi, reggono in seconda posizione, e restano sul podio anche i commercianti, categoria da sempre contrapposta ai consumatori. Rispetto allo scorso anno salgono nelle antipatie dei cittadini anche gli impiegati degli enti pubblici (dal 10% al 13% delle preferenze) e i farmacisti (dal 3% al 4%).

Netta flessione per i ristoratori (che scendono dal 7% all’ 1%), mentre un calo più contenuto si registra per i lavavetri appostati ai semafori delle grandi città (dal 13% al 10%) e per gli assicuratori (dal 2% all’1%). Stabili a metà classifica i professionisti, gli artigiani, i commessi e i camerieri, e a fine classifica bancari, medici e infermieri, questi con appena l’1% delle antipatie dei cittadini.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.